VIDEO – SAINT-JOHN (CANADA) – L’inglese Andrew Bedwell puntava a battere il record per la traversata con la barca a vela più piccola (solo 1 metro). Il brusco risveglio dal sogno: la barca si è rotta

La sua minuscola barca a vela di 1 metro rischia di affondare e lo skipper interrompe la sua traversata atlantica. E’ lo stringato (e forse già scritto) riassunto di quanto accaduto allo skipper inglese Andrew Bedwell, che aveva pianificato e organizzato il tentativo di battere il record mondiale di traversata dell’Atlantico con la barca a vela più piccola (e la sua lo è davvero, decisamente troppo piccola). La storia è finita in un fallimento, e forse lo skipper puo’ valutarla come una fortuna: è stato costretto al ritiro pochi minuti dopo aver lasciato Terranova, in Canada, perchè alla prima onda la barchetta ha iniziato a imbarcare acqua, e poco dopo, in fase di alaggio, lo scafo ha ceduto del tutto. Inevitabile pensare a cosa poteva succedere al navigatore se la rottura fosse avvenuta lontano da terra, in mezzo all’oceano…

COME E’ ANDATA – Pochi minuti dopo aver lasciato il porto di Saint John, in Canada, per il suo tentativo di record, Andrew è stato costretto a rientrare in porto perché la sua barca ha imbarcato acqua e ha cominciato ad affondare. Proprio così. E quel che è peggio, durante il tentativo di alarla a terra, la minuscola barca a vela di 1 metro piena d’acqua si è rotta sotto il peso.

Per Bedweel è la fine del sogno: “Non so cosa dire a tutti coloro che mi hanno supportato, aiutato, siete stati tutti assolutamente fantastici. Big C non c’è più. La barca non può continuare. Non posso farlo, mi dispiace”, ha spiegato in lacrime in un video postato su instagram.

UN VIDEO IN CUI ANDREW PRESENTAVA LA SUA BARCA E IL PROGETTO…

Newsletter Saily