QUESTA BARCA E’ UN AEROPLANO! – LA NOSTRA CARTOGRAFIA PER SEGUIRE L’ARRIVO DI ALBERTO BONA (IBSA) – La barca e il velista italiani completano il percorso in 14 giorni 7 ore 23 minuti 48 secondi, alla media di 11,77 sulle miglia totali! La raffica di arrivi a Guadalupa. Yoann Richomme bis del 2018 – VIDEO IN ARRIVO

LE PRIME PAROLE DI AMBROGIO ALL’ARRIVO – Arrivo bagnato, arrivo fortunato! La pioggia torrenziale che si è abbattuta su Pointe-Pitre intorno alle 17 locali di mercoledì, una giornata piovosa, non ha in alcun modo attenuato l’entusiasmo e l’immensa gioia di Ambrogio Beccaria, le cui mani portano i segni del corpo a corpo con l’oceano. Lo skipper di Allagrande – Pirelli, autore di un magnifico secondo posto, ha tutti i motivi per essere contento.

“È così enorme! È un grande risultato. Ricordo tutta la costruzione della barca, è stata molto intensa durante questi ultimi otto mesi. Per me è soprattutto un successo collettivo, qualcosa che raggiungiamo tutti insieme. Ciò che mi tocca di più è che, a differenza del Mini-Transat, è che non ero solo. Non avevo immaginato di andare così lontano. Abbiamo fatto squadra. Abbiamo fatto un lavoro pazzesco. Finire con questo secondo posto è come un regalo per tutti noi.”

“Ed è incredibile, perché quando me ne sono andato, mi sono reso conto che non potevo nemmeno strambare questa barca da solo. Erano passati due anni da quando avevo fatto una regata in solitario. Abbiamo realizzato una nuova barca con un nuovo architetto e questa barca è un razzo! Mi è piaciuto molto fare questa Route du Rhum Destination Guadeloupe. Prima con le correnti, è stato divertente, poi abbiamo iniziato a fare davvero casino a Ouessant, e poi siamo andati al largo. È qui che ho iniziato ad avere qualche problema in più, soprattutto quando ho rotto la landa di J2, ma sono riuscito a ripararla. Non avrei mai immaginato di finire in questa posizione. Quando abbiamo superato la seconda depressione, nessuno aveva tanta voglia di andarci. Il primo aveva già fatto qualche danno, abbiamo avuto problemi tutti; io alla stazione del vento. Ma penso che il mio posizionamento sia stato vantaggioso in quel momento. Poi c’è la velocità. Mi sono accorto che stavo andando davvero veloce, specialmente al lasco.”

UN PROGETTO ITALIANO AL 100% “L’orgoglio è di aver portato a termine questo progetto 100% italiano. Quando l’ho impostato con l’architetto (Gianluca Guelfi in collaborazione con Fabio D’Angeli, ndr) e il costruttore (Edoardo Bianchi di Sangiorgio Marine, ndr), tutti mi hanno detto che ero pazzo, che era un rischio enorme. Alla fine, credo che questo secondo posto dimostri che ne è valsa la pena: abbiamo realizzato la barca che volevamo, e funziona! La piccola avaria è stata limitante per l’impossibilità di collegare il pilota al vento, ma comunque ho l’impressione che la barca sia sempre andata veloce. Alle andature portanti è un aeroplano! Il momento più veloce è stato entrare nell’anticiclone, con il grande gennaker mi sembrava proprio di volare sull’acqua. Poi, con gli alisei, è diventato un po’ più complicato.”

“Il tour della Guadalupa è forse il momento più forte, più intenso. Quando arrivi hai tutto contro: calma di vento, nuvole ovunque con burrasche ogni quindici secondi… È ancora come un grande scherzo! Pensi: ci siamo quasi.. e vieni tramortito dalle raffiche. Non sapevo che Corentin (Douguet) avesse una penalità (a causa di un sigillo del motore, ndr) e quando è tornato a 0,5 miglia, mi sono detto, wow, ci risiamo! In questa gara, tutto accade nella testa. E lì intorno alla Guadalupa, sono rimasto tutto il tempo al lavoro, pronto per una nuova burrasca. Questa regata è molto dura. Ma sono partito dicendomi che dovevo fare di tutto per provare a vincerla!”

ULTIM’ORA 21:50 – ALLAGRANDE PIRELLI taglia il traguardo alle 20h38m48s TU

Il comunicato dei francesi sull’arrivo di Beccaria ha questo titolo in italiano: Bravissimo Ambrogio! – Mercoledì 23 novembre alle 16:38:48 (ora locale) – 21:38:48 ora di Parigi – Ambrogio Beccaria ha tagliato il traguardo di Pointe-à-Pitre in seconda posizione per la 12a edizione della Route du Rhum Destination Guadeloupe. Il suo tempo di gara è di 14 giorni 7 ore 23 minuti 48 secondi. Lo skipper di Allagrande – Pirelli ha completato il percorso di 3.542 miglia tra Saint-Malo e Pointe-à-Pitre alla velocità di 10,31 nodi sul grande giro (la rotta diretta). In realtà ha percorso 4.041,06 miglia a una velocità media di 11,77 nodi. Ha conquistato un magnifico secondo posto, vinto dopo una dura lotta contro Corentin Douguet (Queguiner-Innoveo) al termine di un duello che si è intensificato nel corso dell’avvicinamento alla Guadalupa. Alla fine, l’italiano è salito sul secondo gradino del podio a 4 ore e 15 minuti e 8 secondi dal grande vincitore della Class40, Yoann Richomme (Paprec Arkea) (al quale dedichiamo un altro servizio).

Che regata! A 31 anni, l’italiano Ambrogio Beccaria ha lasciato il segno su questa Route du Rhum – Destination Guadeloupe. E non a caso lo skipper di Allagrande-Pirelli, già noto per la sua vittoria nella Mini-Transat 2019, ha ben presto trovato nella Class40 un circuito all’altezza del suo talento, dove l’arte di regatare ai massimi livelli si unisce a quella di farsi carico di una barca innovativa. Dopo aver provato un primissimo scafo di 40 piedi, questa tipologia di imbarcazione rivoluzionaria riconoscibile dalla prua arrotondata, Ambrogio, amante delle emozioni e della velocità, ne è rimasto conquistato. Insieme a Ian Lipinski, nel 2021 ha stabilito il record di velocità nelle 24 ore in Class40 con il bel punteggio di 421 miglia percorse a una velocità media di 17,4 nodi. Il milanese, che non aveva ancora uno sponsor, si lancia quindi nella progettazione e costruzione della prima barca da regata d’altura al 100% italiana! Una grande sfida che raccoglie attraverso la sua partecipazione a questa Route du Rhum – Destination Guadeloupe.

Il suo Class40, nato dai tavoli da disegno dell’amico architetto navale Gianluca Guelfi, non è passato inosservato tra la schiera di 30 nuove barche presenti sulla linea di partenza a Saint-Malo. Lunghi timoni e bompresso regolabile sono alcuni dei nuovi accorgimenti che contraddistinguono Alllagrande-Pirelli, tra la trentina di novità raccolte quest’anno. E la barca è nuova di zecca. Varata alla fine dello scorso agosto, è stato solo all’inizio di ottobre che Ambrogio, che vive e si allena a Lorient, ha completato la sua qualificazione per guadagnarsi il posto sulla linea di partenza. Meno uno! E i pochi giorni guadagnati al pontone di Saint-Malo a causa della partenza ritardata non sono troppi per finire di preparare e preparare la barca per questa regata transatlantica rinomata per il suo livello di requisiti.

In acqua, il focoso italiano si affermerà fin dall’inizio come uno dei leader più fedeli alla testa della flotta. 15° al passaggio di Cap Fréhel, si porterà rapidamente in prima fila in classifica e non la lascerà mai più. Dopo aver superato le Azzorre, mentre altri forti velisti solitari stanno vivendo seri problemi, come Xavier Macaire (Gruppo SNEF) costretto a rallentare per riparare problemi strutturali, la regata assumerà i crismi di un duello oceanico con Corentin Douguet (Queguiner-Innoveo).

Solo una manciata di miglia separano questi due velisti che si scambiano il posto di delfino in scia al leader secondo le letture delle posizioni. Ambrogio, che ha problemi alla stazione del vento, riesce comunque a sfruttare al meglio la sua barca. “Le sensazioni sono magiche. È un aeroplano. È veloce in tutte le andature”, ha confidato ieri mentre la battaglia con il suo diretto avversario si è fatta più dura nel tratto finale verso Tête-à-l’Anglais. Da allora Ambrogio non ha ceduto più nulla. Meglio, ha consolidato il suo vantaggio sul 3° posto e soprattutto ha realizzato la bella impresa di ridurre drasticamente il gap con Yoann Richomme (Paprec Arkéa), grande vincitore in Class40, una delle flotte più colpite dalla violenza dei passaggi delle burrasche iniziali. Lo skipper di Allagrande-Pirelli, con la sua barca nuovissima, è riuscito nell’impresa di superare tutto per guadagnarsi questo posto d’onore sul podio di Pointe-à-Pitre. Bravissimo Ambrogio!

UNA RAFFICA DI ARRIVI SENZA SOSTA – La britannica Pip Hare al 12° posto l’astro nascente Rookie Haryada 14° e Giancarlo 16° nella classe IMOCA (QUI LA NEWS SUL SUO ARRIVO). Yoann Richomme sembra destinato a conquistare il titolo Class40 questo pomeriggio, mentre infuria la battaglia per il secondo posto tra Ambrogio Beccaria e il francese Corentin Douguet!

AGGIORNAMENTO 23.11 ORE 20:15 – Ambrogio e Allagrande Pirelli (a proposito: c’è chi lo scrive tutto attaccato, come scritto sul logo, e chi lo stacca in due parole, quale è giusto?) entrano a vista con Corentin Douget a nord di Guadalupa. Sotto costa il francese si avvicina pericolosamente, poi uno scatto decisivo di Bogi, prende aria, va più veloce, tra le 19 e le 20 il vantaggio raddoppia e poi quadruplica: da 1,5 a 3,1 miglia e a 4.9. Allagrande Pirelli è con la prua verso Point-a-Pitre, distante una quindicina di miglia ma con vento in calo (non fino a mollare del tutto) e a dare leggero scarso. Se tiene questo ritmo a 7-8 nodi di media in due ore e qualcosa è sulla linea! A presto per breaking news, foto, video, commenti… E domani alle 14 è prevista una call con Beccaria e un po’ di media dall’Italia. Ci saremo. Soffiateeeeee!

QUI LA NOSTRA CARTOGRAFIA PER SEGUIRE BARCHE E MARINAI

Le famigerate miglia finali intorno alla Guadalupa, tra calma e vento leggero e anche a causa di un buco nella sua randa, si sono rivelate un crudele finale per Pip Hare (Medallia) che è scivolataq dalla decima alla dodicesima posizione in classe IMOCA.

Ma questa sfida finale sul percorso di 3.542 miglia da Saint-Malo non ha scoraggiato il suo connazionale di appena 24 anni, James Harayda (Gentoo), che si è assicurato un’impressionante 14a posizione su 38 partenti nella sua prima grande regata oceanica IMOCA in solitaria. Già considerato un astro nascente.

“Il circuito intorno all’isola è semplicemente brutale, che modo di finire una regata così!”, ha sorriso Hare al traguardo. “Sono completamente distrutta. Sono arrivata nel nord dell’isola sapendo che quelli chi mi inseguivano erano molto vicini e li stavo osservando. Stamattina ho fatto un paio di strambate per coprirli. Siamo stati così vicini fino alla fine. È stato bello correre fino al traguardo. Questo mi ha tirato su di nuovo. E se il percorso fosse stato un miglio più lungo, lo avrei ripreso…”

Pip Hare

TRE DONNE NELLA TOP 12 – Tre donne skipper sono finite tra le prime 12 della flotta IMOCA. La svizzera Justine Mettraux (Teamwork.net) che alle 02:41 UTC di lunedì mattina è arrivata settima, è stata la prima donna e miglior skipper internazionale non francese. La franco-tedesca Isabelle Joshcke (MACSF) è arrivata nona circa 13 ore dopo Mettraux e sei ore prima di Hare. “Tre donne tra le prime 12… beh, mi sento come se avessi deluso perché avrebbero dovuto essere tre donne tra le prime dieci. Ma è davvero fantastico. Ancora le donne sono sotto rappresentate in questo sport. Ma la nostra classe è una delle più dure in gara e abbiamo il 25% di partecipazione femminile e tre nelle prime 12 è fantastico”, ha commentato Hare.

Dopo aver perso il suo albero all’inizio della Route du Rhum 2018 e non essere riuscita a finire il Vendée Globe dopo aver ceduto ai guasti della chiglia, Joschke è stata felicissima del suo risultato: “Questo nono posto è fantastico. Ho lottato, ho dato il massimo dall’inizio alla fine di questa gara. Non pensavo che sarei rimasta tra i primi 10 fino al traguardo. Sono riuscita ogni volta a trovare le risorse, l’energia. E ora il mio successo è che ho mantenuto questa posizione fino alla fine. Sono molto orgogliosa e molto felice”.

Isabelle Joschke © Arnaud Pilpré / #RDR2022

MI MANDA ALEX THOMSON… – In qualità di skipper più giovane della classe IMOCA, il 14° posto di Harayda sottolinea le sue potenzialità, soprattutto considerando che non aveva esperienza nelle regate d’altura in solitaria o doppio, fino a quando non ha fatto una campagna di doppio misto di due anni in un SunFast 3300 con l’ex Vendée Globe Dee Caffari.

Quando è diventato evidente che non ci sarebbero stati eventi olimpici offshore nel 2024, l’ambizioso Harayda ha messo la prua verso il Vendée Globe 2024, che spera possa portare a un nuovo programma per il 2028.

A differenza dei suoi rivali francesi che arrivano all’IMOCA dal Mini 650, dal Figaro o Class 40, Harayda è cresciuto a Singapore in regate di derive e piccole barche a chiglia sportive. E sebbene abbia navigato con Alex Thomson sul suo più recente Hugo Boss, ha iniziato seriamente a navigare con la sua barca solo a maggio e i suoi unici passaggi in solitario fino ad ora sono stati la 48 Heures Azimut di settembre e le 2000 miglia di qualificazione per questa regata.

James Harayda © Arnaud Pilpré / #RDR2022

Harayda, che ha terminato alle 01:28:35 UTC, dopo 13 giorni, 12 ore, 13 minuti e 35 secondi, ha dichiarato: “È stata una gara brillante. All’inizio non avrei mai potuto immaginare di arrivare quattordicesimo. È incredibile, soprattutto dopo la prima settimana, quando ho faticato molto a far funzionare la barca come volevo. Penso che da esordiente in questa gara sono arrivato senza pressione, non avevo obbligo di fare un risultato. Stavo cercando di fare la gara e di tagliare il traguardo, pensando sempre – suppongo – qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere? Ha funzionato davvero bene. È una barca piuttosto impegnativa su cui salire e iniziare a regatare, questa mentalità di approccio mi ha permesso di godermela un po’ di più”.

ACQUA, CIELO E PAROLE: L’ULTIMA PUNTATA DELLA WEB SERIE RDR SU SAILY TV: NON PUOI PERDERTELA! CLICCA QUI PER VEDERLA

CLASS40, PRONTI ALLA VOLATA – Questa mattina, con un vantaggio di 80 miglia (era arrivato a quasi 120) e circa 60 miglia al traguardo, il francese Yoann Richomme (Paprec-Arkema) è in corsa per difendere il titolo Route du Rhum-Destination Guadeloupe Class40 che aveva già vinto nel 2018. Richomme dopo la partenza in anticipo aveva fatto la penalizzazione obbligatoria di quattro ore a Capre Fréhel, che lo ha visto riprendere dal 51° posto sui 55 Class40 partiti. Poi il recupero. Uomo e barca sicuramente da battere, e va considerato che Yoann va in Class40 da oltre 5 anni…

La battaglia per il secondo posto nella Class40 sarà pazzesca, con Ambrogio Beccaria (Allagrande Pirelli) e il francese Corentin Douguet (Queguiner – Innoveo) attualmente a meno di 1 miglio l’uno dall’altro con circa 140 miglia da percorrere. Si guardano, si annusano. Immaginiamo le circa 30 miglia di circumnavigazione dell’isola con i suoi tranelli, e loro due vicinissimi, da soli, dopo due settimane di oceano…

Ci sarà tempo per i commenti, ma Ambrogio ha varato in estate Alla Grande, l’ha portata da solo a St Malo facendo la qualifica, ha conosciuto la barca in questa primissima navigazione e poi con lei ha esordito in regata con la settimana delle quattro tempeste, rompendo la stazione del vento che lo ha limitato per il resto della traversata. Nonostante tutto è rimasto con i primissimi… Forza Bogi comunque vada.

4892 visualizzazioni

Newsletter Saily