I SOGNI REALIZZATI DI XU JINGKUN, IL PRIMO CINESE ALLA ROUTE DU RHUM – Ha perso l’avambraccio sinistro a 12 anni, corre sull’Imoca China Dream Haikou, supportato da una città portuale. Molto presente sui social e sui blog, supporta il ritorno della vela alle Paralimpiadi a Los Angeles 2028. Ma punta al Vendée Globe

Xu Jingkun, 33 anni, ha perso l’avambraccio sinistro all’età di 12 anni. Da ieri è in gara, primo cinese della storia e secondo paralimpico, contro gli elementi, il cronometro e 137 velisti da 14 paesi nella rotta di 6.562 chilometri (3.543 miglia nautiche), attraverso l’Atlantico da Saint-Malo in Bretagna a Pointe -à-Pitre sull’isola caraibica francese di Guadalupa.

La regata oceanica più antica e prestigiosa dello yachting, dal 1978, quella dei grandi eroi della navigazione, entrati nella memoria per imprese epiche. Xu è cresciuto nella lontana Cina con il mito di questi navigatori, e in questo novembre 2022 alcuni di loro sono venuti a omaggiarlo al varo del suo Imoca 60 “China Dream Haikou”: eccolo con Philippe Poupon, non si sa chi dei due sia più incredulo!

IMPRESA SOCIAL – Xu è un trentenne dei suoi tempi. Sul suo IMOCA di 60 piedi, China Dream Haikou, che porta il nome della città portuale e capitale della provincia insulare cinese Hainan intervenuta per supportarlo a luglio, Jingkun sta documentando il suo viaggio su Facebook, Instagram e TikTok insieme al micro-blogging network Weibo e WeChat, per sensibilizzare sulle opportunità offerte dalla vela alle persone con disabilità.

È uno dei 17 esordienti in questa gara e sarà affiancato sulla linea di partenza da Damien Seguin, la tripla medaglia paralimpica francese, che è arrivato sesto nell’edizione 2018 della Route du Rhum-Destination Guadalupa, e l’anno scorso è diventato il primo Para Sailor per competere nella regata di yacht senza scalo intorno al mondo, la Vendée Globe.

LA28 BACK THE BID: PARA SAILING PER TUTTI – Xu Jingkun è anche fermo nel suo sostegno alla campagna #BacktheBid di World Sailing per il ripristino della vela ai Giochi Paralimpici di Los Angeles 2028, ne è un testimonial lungo le 3500 miglia della Rhum.

“Come paralimpico, con l’esperienza diretta di dover dimostrare alle persone che si sbagliano sulla disabilità, sto dimostrando che la vela è l’avventura definitiva e un’enorme opportunità per rinnovarsi mentalmente, concentrarsi e sfidare te stesso e coloro che potrebbero sottovalutarti.

“Possiamo avere sogni e realizzarli. Abbiamo anche il diritto di possedere i nostri sogni e trovare la capacità di realizzarli. Sono la prova che la vela può essere assolutamente per tutti: persone normali e con disabilità, come me”.

A Palermo in occasione dei Mondiali Hansa 2021

DALLA TERRA AL MARE – A Jingkun, nato in una famiglia di contadini sulle colline sopra Qingdao (la città che ospitò la vela olimpica di Pechino 2008, con le medaglie azzurre di Alessandra Sensini (argento) e Diego Romero (oro) e con la beffa dei fratelli Sibello privati di un podio strameritato), dopo il suo incidente è stato detto di rinunciare all’idea di seguire le orme di generazioni della sua famiglia, così si è dedicato allo sport.

La sua svolta nella vela è arrivata dopo aver attirato l’attenzione della squadra paralimpica cinese nel conto alla rovescia per i Giochi Olimpici e Paralimpici di Pechino 2008. Gli è stata data la possibilità di scegliere tra corsa, ciclismo e vela. Dopo aver scoperto le immagini di navigazione online, Jingkun ne è rimasto affascinato e ha corso nella classe Sonar a Pechino 2008.

Da orgoglioso paralimpico, dopo i Giochi la sua ispirazione è stata alimentata da figure chiave della vela globale, in particolare Ellen MacArthur, che nel 2015 a soli 24 anni ha battuto il mondo record per la circumnavigazione in solitaria più veloce del globo al suo primo tentativo.

MINI TRANSAT – Il sogno di Jingkun di affrontare le sfide nautiche più difficili del mondo ha iniziato a diventare realtà quando ha recuperato uno yacht di 24 piedi da un cimitero di navi nel 2009. Dopo nove lunghi mesi di restauro, ha fatto tante regate a lungo nel Mar Cinese. Nel 2015, ha completato la sua prima regata transatlantica in solitaria, la Mini Transat.

IL GIRO DI UNA VITA – Jingkun è poi partito per il viaggio di una vita nel 2018, impiegando tre anni per fare il giro del mondo, stabilendo il record cinese di 34.000 miglia nautiche e visitando oltre 40 paesi. “Avevo immaginato il giorno in cui avrei finito questo viaggio un milione di volte prima”, ha detto al più grande gruppo di giornali cinese The People’s Daily, al suo ritorno nell’estate del 2020.

“Nel corso degli anni, ho pensato così tante volte al mio braccio perso, chiedendomi cosa diavolo ho perso a causa di quel braccio. A quanto pare, non ho perso nulla. È stato proprio a causa del braccio mancante che ho avuto l’opportunità di scegliere di andare in barca a vela”.

OBIETTIVO FINALE: VENDEE GLOBE – Ora che l’ultima avventura da record è appena iniziata, Xu ne ha già pronta un’altra all’orizzonte. Il suo conto alla rovescia per il Vendée Globe 2024, la regata non-stop, in solitaria, intorno al mondo, considerata la ricerca più estrema della resistenza individuale e la prova definitiva nelle regate oceaniche, è iniziato da due anni.

Dopo la Route Du Rhum Destination Guadalupe tornerà alla sua base di Port-la-Forêt in Bretagna con una preziosa esperienza e idee per tutti i necessari adattamenti della barca che aiutino a compensare la mancanza dell’avambraccio. “Semplicemente non ho avuto tempo finora”, ha spiegato Jingkun in un’intervista. “Invece di adattare la barca, mi adatterò io. Sto cambiando il modo in cui faccio le cose per adattarmi a questa barca.”

CAPITANO JACKY – E come sempre Jingkun, noto come “Capitano Jacky” nei circoli nautici di tutto il mondo e sui social globali, è imperterrito. Calmo, raccolto, ha un piano: “Questo è l’inizio: il mio obiettivo ora è conoscere a fondo la mia barca. Sulla via del ritorno attraverso l’Atlantico, avrò l’occasione perfetta per pensare chiaramente agli adattamenti necessari in vista del Vendée”.

364 visualizzazioni

Newsletter Saily