Beneteau la sera della vigilia dell’apertura del 44° Cannes Yachting Festival ha riunito 200 ospiti sulla Croisette di Cannes, qui CEO della divisione Boat Gianguido Girotti ha spiegato la visione aziendale, le ambizioni e i progetti, le innovazioni sui prodotti

IL VIDEO DELLA SERATA BENETEAU

Beneteau ha anticipato l’apertura del 44° Cannes Yachting Festival e la sera della vigilia ha riunito 200 ospiti sulla Croisette di Cannes, durante la serata il CEO della divisione Boat, Gianguido Girotti ha spiegato la visione aziendale, le ambizioni e i progetti, le innovazioni sui prodotti. Il tutto ruota intorno a quattro temi chiave sotto lo slogan “Portare i sogni in acqua”. Girotti ha spiegato che tutti i marchi del gruppo si adegueranno, passando da una strategia “guidata dal volume” a una strategia “guidata dal valore”.

Clement Douet, Vicepresidente per il Digital Business ha detto: “Crediamo fermamente che la digitalizzazione ci aiuterà a costruire un legame speciale e unico tra le nostre barche, i nostri clienti, i nostri concessionari e i nostri marchi”. L’anno scorso Groupe Beneteau ha presentato l’app Seanapps, che si collega a una barca in tempo reale per fornire dati. Oggi, 2,000 barche così attrezzate navigano in tutto il mondo, ed entro settembre 2023 ogni singola barca che lascerà gli stabilimenti del gruppo nel mondo sarà dotata anche dell’app, disponibile anche per tutte le imbarcazioni esistenti tramite i concessionari del Gruppo.

Damien Jacob, vicepresidente dello sviluppo delle barche a vela, ha presentato l’Excess 14, che punta a offrire l’emozione di un monoscafo a bordo di un multiscafo, e il Lagoon 51, ricco di materiali sostenibili come le fibre naturali in composito. “Il segmento dei multiscafi è sempre più dinamico e la crisi ha convinto ancora più persone. Il multiscafo incarna la voglia di libertà in acqua. Lagoon ed Excess mirano a rispondere a questa domanda”, spiega Jacob.

Per quanto riguarda i monoscafi, Groupe Beneteau ha presentato il nuovo Jeanneau Yachts 55 e il Beneteau Oceanis Yacht 60. Jacob ha anche ricordato al pubblico che il First di Beneteau festeggia quest’anno il suo 45° anniversario, segnato dal varo del nuovo Beneteau First 44.

Beneteau si lancia nella “sfida chiave” della sostenibilità guardando allo sviluppo del prodotto e ai processi di produzione. “Per quanto riguarda lo sviluppo del prodotto, siamo concentrati sulla riduzione dell’impatto ambientale in due aree chiave: materiali compositi e sistemi di propulsione”, ha detto ancora Gianguido Girotti, CEO della divisione Boat.

FIRST 44, CHE TEAM, E C’E’ ANCHE UN MINI 650 BENETEAU! – Beneteau ha allestito un team di progetto speciale per il primo scafo del First 44, in collaborazione con il produttore francese di resine Arkema, per un prototipo con resina riciclabile al 100%. Questa sarà utilizzata anche per costruire due prototipi di una barca a vela da regata Mini 6.50 utilizzando questi stessi materiali per il progetto The Arch. Queste versioni del First 44 e dell’Arch Mini 6.5 saranno presentate ai saloni nautici invernali.

Oltre ai materiali compositi, il gruppo ha rivelato una nuova transizione verso sistemi di propulsione a emissioni ridotte o privi di emissioni. Beneteau collaborerà con: Vision Marine Technologies, Torqeedo, Volvo Penta con un progetto di motore ibrido.

Ancora Girotti: “Abbiamo deciso di cambiare il modo in cui produciamo le nostre piccole parti in composito e abbiamo introdotto una nuova resina di origine biologica e fibra naturale per sostituire quella classica. Abbiamo anche deciso di considerare il consumo energetico dei nostri impianti, e di collaborare con Vendée Energie per installare quattro ettari di tende fotovoltaiche su tutti i parcheggi dei nostri siti di produzione”.

359 visualizzazioni

Newsletter Saily