News | Regata > Altura

01/11/2021 - 21:00

Finalmente è inverno!

Tutti gli Invernali d'Italia su Saily

IL FENOMENO DELLA VELA ITALIANA NELLO SPECIALE DI SAILY - Oltre 30 campionati invernali, dalla Liguria al Friuli Venezia Giulia, dal Tirreno all'Adriatico isole comprese. In queste pagine al via uno Speciale di Saily per raccontare cosa accade lungo la penisola. Risultati, foto, barche, velisti - E INTANTO SU SAILY TV...

 

I campionati invernali sono un fenomeno della vela italiana, tanti campionati in tutti i mari e le regioni italiane, migliaia di partecipanti coinvolti, regate "vere" ma anche clima di amicizia, equipaggi famigliari accanto ai team "pro", occasione per fare sport all'aria aperta e collezionare esperienze veliche preziose. Gli Invernali sono tutto questo e tanto altro. Tra questo novembre e marzo del prossimo anno, il "fenomeno" dei campionati Invernali troverà su Saily una attenzione particolare: sul Magazine questa INVERNALI ROOM sarà la "stanza", seguita poi da altri spazi, con le ultime notizie, i risultati, le storie, le foto. E su Saily TV sta per partire un nuovo canale esclusivo e attesissimo: INVERNALI LIVE: ogni weekend le nostre telecamere vi racconteranno una regata e i protagonisti di diversi campionati invernali in tutta Italia. Buon inverno a tutti, su Saily.

 

(LIGURIA) 46° INVERNALE DEL TIGULLIO... CHESTRESS! - Due prove ieri, niente confronti oggi. Parte cosi la seconda manche del 46° Campionato Invernale Golfo del Tigullio che nella stagione 2021-2022 si disputa sotto la regia del Comitato Circoli Velici del Tigullio diretto dallo storico organizzatore Franco Noceti con la partecipazione di Circolo Nautico Lavagna, Circolo Nautico Rapallo, Circolo Velico S. Margherita Ligure, Lega Navale Chiavari-Lavagna, Lega Navale Rapallo, Lega Navale S. Margherita Ligure, Lega Navale Sestri Levante, Yacht Club Chiavari, Yacht Club Italiano e Yacht Club Sestri Levante.

Sabato, con prima partenza data a mezzogiorno, due sfide ambientate su un percorso ridosso. Scirocco irregolare nella prima regata, poi stabilizzatosi sia nell’intensità sia nella direzione per la seconda. 

Nella classe ORC 1 la doppietta di Chestress3 di Giancarlo Ghislanzoni (YCI), in entrambe le prove sempre bravo a regolare nell’ordine Blue Sky di Claudio Terrieri (CV Ravennate) e Tengher di Alberto Magnani (YCI). Novità importanti nell’ORC 2 con le affermazioni prima di Ocesse di Tivano (Compagnia Vela dei Marmi) su X-Wave di Marco Roccatagliata (LNI Genova) e First…issima di Fabio Montale (YCI) e poi proprio di First…issima su Baciottinho di Roberto Gagliardi (CV Bellano) e Free Lance di Federico Bianchi (LNI Chiavari e Lavagna). Una provata portsta a termine dai J80 con il solito Jeniale! di Massimo Rama (LNI Sestri Levante) padrone della situazione davanti a Padawan di Donald Hart (LNI Genova Aeroporto) e J Bes di Eros Rossi (CV Sori). Ariarace di Azzimonti e Preda (CN Rapallo) si impone nella classe Libera. 

Le imbarcazioni provenienti da fuori Tigullio, iscritte a tutte le tre manche, sono ospitate per la durata di tutto il campionato presso il Porto di Lavagna, partner della storica manifestazione velica invernale insieme a Quantum e a Grondona. L’Invernale del Tigullio costituisce un’ottima opportunità di indotto per il territorio in un periodo di bassa stagione e, come sempre, contribuisce alla valorizzazione dal punto di vista turistico.

La prima (6-7 e 20-21 novembre) e terza (22-23 gennaio e 5-6 febbraio) manche si svolgono nelle acque del Golfo Tigullio. Per la seconda manche (4-5 dicembre e 8-9 gennaio)  il teatro dei confronti sarà il Golfo Marconi.  La classifica overall del campionato prenderà in considerazione le due migliori manche di ogni equipaggio.

 

(TOSCANA) CIRCOLO NAUTICO E DELLA VELA ARGENTARIO: 45° CAMPIONATO INVERNALE DELL’ARGENTARIO – COASTAL RACE 2021/2022- Con le due regate costiere del 45° Campionato Invernale dell’Argentario disputate questo fine settimana si conclude la stagione sportiva 2021 del Circolo Nautico e della Vela Argentario.

Alle 9:00 di sabato mattina appuntamento presso la sede del Circolo per il consueto briefing del Comitato di Regata presieduto da Maurizio Giannelli con la spiegazione del percorso da disputare, al termine l’estrazione dell’orologio Garmin Quatix6 che ha premiato Alessandro Giannattasio armatore del Grand Soleil 43 Super G. Giornata tipicamente invernale, cielo plumbeo, vento di scirocco con intensità di 10 nodi.

Linea di partenza posizionata in prossimità di Ansedonia, alle 11:30 partenza della prova e, una volta superata la boa di bolina, il percorso si è articolato su boe disposte sul versante sud dell’Argentario per un totale di 19 miglia nautiche, consentendo alla flotta di misurarsi in tutte le andature. Gradito ritorno alle regate di altura di Andrea Castrucci, già campione del mondo nel 2003 nella classe J 24 nelle acque di Medemblik (Olanda), a bordo del suo nuovo Eryd 32 progetto nato dalla penna di Emanuele Rossi anche lui presente a bordo per la prima regata, con al timone Antonio Sodo Migliori. Dopo quasi tre ore di regata la prima imbarcazione a tagliare il traguardo è Italica il My Song 50 di Gianluca Sansoni ma, in tempo compensato, ad avere la meglio sia nella categoria IRC che ORC è stata Jolie il First 45 di Marcello Bernabucci.

Domenica una bella giornata di sole ha accolto i regatanti nella terrazza del Circolo per il consueto briefing e una volta spiegato il percorso, in considerazione dell’aumento delle imbarcazioni iscritte, sono stati sorteggiati due Garmin Quatix6, il primo se l’è aggiudicato Massimo Artusi armatore di Lola, mentre il secondo è andato a Luca Alessandrelli armatore di Tikka III.

Previsioni meteo rispettate, vento leggero in prima mattina con aumento di intensità nel proseguo della giornata proveniente dal terzo quadrante e mare vecchio proveniente da direzione opposta. Percorso costruito all’interno del golfo della Feniglia cercando di rimanere a ridosso delle onde provenienti dalle Bocche di Bonifacio e vento in continuo aumento stabilizzandosi sui venti nodi. Bellissima regata di 17.5 NM, che premiava Kaster nella categoria ORC e Tevere Remo Lola il Comet 45S di Artusi Massimo nella categoria IRC.

Dopo 4 prove in classifica generale IRC e in divisione 2 primo posto per Jolie con 8 punti, in divisione 1 conduce la classifica Bangherang Evo l’Azurre 46 di Fabrizio Venturini con 19 punti, in divisione 3 guida la classifica Otaria il Comet 38 di Marco Paoletti con 20 punti, nel raggruppamento x2 primo posto per Egoista il Farr 40 di Fabrizio Micco’ con 36 punti. Dopo 4 prove in classifica generale ORC e in divisione 1 primo posto per Jolie di Marcello Bernabucci con 8 punti, in divisione 2 conduce Otaria con 18 punti, nel raggruppamento x2 guida la classifica Egoista di Fabrizio Micco’ con 26 punti.

Il Campionato invernale riprenderà il 22 gennaio per concludersi il 20 marzo 2022.

www.cnva.it

 

(PUGLIA) CIRCOLO DELLA VELA BARI, GRANDE FESTA PER LA PREMIAZIONE DEL XXXIV TROFEO BOTTIGLIERI E DELLA SECONDA COPPA D’AUTUNNO - Annunciata la XXII edizione del Campionato Invernale vela d’altura Città di Bari. Si inizia il 23 gennaio - Grande festa nei saloni del Molo Borbonico del Circolo della Vela di Bari per la premiazione della XXXIV edizione del Trofeo Cristoforo Bottiglieri, valido anche ai fini della classifica finale della seconda Coppa d’Autunno organizzata dal Circolo della Vela di Bari. Una festa che, nel pieno rispetto della normativa Covid ha visto riuniti un centinaio di velisti come non succedeva da tanto, troppo tempo. Un momento anche per ricordare Cristoforo Bottiglieri e la sua storia.

“Io sono uno degli atleti che frequentava il Circolo negli anni in cui Don Cristoforo, come tutti lo chiamavamo, dava le direttive e gli indirizzi – ha esordito Gigi Bergamasco, direttore sportivo del Circolo della Vela Bari -. Grazie a lui mi sono appassionato a questo sport e l’ho praticato da atleta prima e oggi da dirigente senza mai smettere neppure per un giorno. Oggi sono 50 anni da quando ho iniziato e porto avanti questa passione sui pontili del CV Bari”.

Anche Alberto La Tegola, oggi presidente dell’VIII Zona FIV, ha ricordato Bottiglieri che, tra le altre cose, è stato anche il primo presidente della zona e che all’inizio degli anni 70 non si risparmiava in rimproveri anche con lui. “Ai tempi noi uscivamo in mare senza il gommone dell’istruttore al seguito ma era tutto organizzato su allarme di Don Cristoforo che dalla sua finestra chiamava in veleria per avvisare che qualcuno di noi aveva scuffiato e aveva bisogno di assistenza – ricorda La Tegola -. Il suo genio imprenditoriale nel settore sportivo era noto a livello nazionale. Le scelte strategiche per la squadra agonistica come quella di acquistare le barche per le regate erano di avanguardia rispetto a tanti altri. Quello che il Cv Bari oggi gestisce con professionalità è frutto di una grande visione che Bottiglieri aveva avuto nella prima metà del secolo scorso con una grande competenza anche nella selezione e nell’individuazione delle qualità degli atleti e degli equipaggi velici. Ha continuato a seguire la squadra agonistica del CV Bari sempre, anche quando il suo mandato era finito con grande passione”.

Ad aggiudicarsi il trofeo Bottiglieri in classe Altura, premiate da Alberto La Tegola, Anda Ya di Luigi Fantozzi con Marco D’Arcangelo al timone (Cus Bari) seguita da Shamir di Nicola Turi (CV Bari) e da Faustx2 di Paolo Scattarelli (CN Bari); in Minialtura invece il podio è andato a Edb Jebedee di Nino Soriano (CN Il Maestrale) seguita da Zagor di Alberto Lorusso (CN Bari) e da Nellaria di Vito Laforgia (CV Bari) con Fabrizio Buono al timone, tutte premiate dal consigliere nautico del CV Bari Roberto Ranito; in classe amatoriale infine il trofeo è andato a Kairos di Giulio Ranieri (Cus Bari) con alle spalle Albatros III di Maurizio Calabrese (CV Giovinazzo) e Euristica di Monica Pacucci (LNI Mola) premiati dal presidente del CV Bari, Titta De Tommasi.

Subito dopo c’è stata anche la premiazione della seconda Coppa d’Autunno, voluta dal Circolo della Vela di Bari per rimettere in piedi il movimento velico in vista dell’imminente inizio del prossimo campionato invernale di vela d’altura città di Bari. Costituita dalle due giornate di prove del XXXIV Trofeo Bottiglieri insieme alla giornata del Trofeo Carofiglio, la Coppa d’Autunno ha registrato un totale di 15 partecipanti provenienti da Bari, Mola, Giovinazzo e Molfetta che si sono divertiti non poco durante le prove portate a termine.

Alla fine la coppa è stata conquista in altura da Shamir, il Grand Soleil 37 di Nicola Turi (CV Bari) seguita dall’X-302 Faustx2 di Paolo Scattarelli (CN Bari) al secondo posto e dal Sun Odyssey 42 Morgana di Paolo Barracano (LNI Bari) al terzo. La coppa è stata loro consegnata da Mario Cucciolla, vice presidente dell’VIII Zona FIV.

A consegnare le coppe per la minialtura ci ha pensato invece Alberto La Tegola che ha premiato il J24 Edb Jebedee di Nino Soriano (CN Il Maestrale) con Alessandro Favia al timone, primo classificato, il Surprise Zagor di Alberto Lorusso (CN Bari) secondo classificato e il Melges 24 Extravagance di Giuseppe Pannarale (CN Bari), terzo.

Infine in amatoriale sono stati premiati l’X332 Euristica di Monica Pacucci (LNI Mola) con Bruno Grubessi al timone, Albatros III il Bavaria 36 di Maurizio Calabrese (CV Giovinazzo) con Luigi Giovanni Fuiano al timone e Kairos, il Grand Soleil 40 di Giulio Ranieri (Cus Bari). A consegnare loro la coppa ci ha pensato il consigliere del CV Bari Giorgio Pantzartzis.

La serata è stata anche l’occasione per iniziare a informare i velisti baresi del ritorno del campionato invernale Città di Bari per imbarcazioni di Altura e Minialtura. Si tratta della XXII edizione che si svolgerà dal 23 gennaio al 20 marzo con cinque regate. I dettagli verranno diffusi nelle prossime settimane.

        

 

(LAZIO) GAETA, CAMPIONATO INVERNALE DEL GOLFO - Fine settimana interamente dedicato alla classe Regata, per la diciassettesima edizione del campionato invernale del Golfo, in pieno corso di svolgimento nelle acque del sud pontino - Con un vento tra i 7 ed il 16 nodi da ovest, con mare formato da libeccio, il Comitato diretto da Mario Lupinelli ed Antonio Cianciaruso è riuscito a dare il via a tre interessanti prove, che nella sostanza hanno confermato quanto si era già visto in precedenza.

I due scafi già plurivincitori in campo nazionale, ovvero “Globulo Rosso” e “Vlag” diretti rispettivamente da Alessandro Burzi e Luca Baldino, stanno dominando anche la competizione organizzata dal Cn Caposele e dallo Y.C. Evs Gaeta, come del resto si evince dalle classifiche Irc ed Orc. In classe Irc, “Globulo Rosso” ha portato a casa due successi su tre (l’ altro è stato appannaggio dello stesso “Vlag”), confermandosi in testa alla graduatoria con quattro lunghezze di vantaggio sul diretto concorrente. In classe Orc, tre su tre di giornata per “Vlag”, che fa registrare l’en-plein di successi anche in graduatoria generale, riuscendo così a mettere cinque punti tra sé ed il suo principale avversario

Non ha preso parte alla giornata di gare “Alcatraz”, lo scafo dello skipper Giannantonio Di Giuseppe, costretto al forfait per problemi di equipaggio, mentre nell’ultima prova alcune difficoltà tecniche hanno costretto al ritiro “Obelix”, timonato da Carlo Bocchino. Adesso si tornerà in acqua nel fine settimana dell’ 11 e 12 dicembre prossimi, nel quale saranno nuovamente di scena anche le imbarcazioni della classe Diporto, con l’atteso esordio della classe Star.

 

(LOMBARDIA) CIMENTO A DESENZANO DEL GARDA CON VENTO, ONDE E NEVE - Su un Garda "format" Canale della Manica è andata in scena la seconda giornata del “30° Cimento Invernale” della Fraglia Vela Desenzano, sotto l'egida della Federazione Italiana Vela. Ad accogliere gli argonauti lacustri c'erano neve (sulle montagne), onde e vento, sui 12-15 nodi.

Tra i monotipo c'è stato il solito show della flotta dei Dolphin 81. Un terzo e un primo posto per “Capovento” di Marco Polettini, al timone il figlio Matteo, che continua a guidare la classifica provvisoria, ma solo con un punto di vantaggio sui Campioni d'Italia di “Baraimbo Due” di Francesco Imperadori, Serafina e Zeno Razzi, timoniere Giò Pizzatti, con un secondo e un primo. Terzo è il “Joker” (solo di nome) di Umbertino Grumelli. Seguono in classifica “Insolente” di Giovanni Perani e “N' do it” di Francesco Crippa. Tutte queste carene difendono i colori della Fraglia Vela Desenzano. Tra i piccoli, ma agguerriti Meteor, comanda sempre “Miseria nera” di Pier Antonio Acquaviva; stessa situazione nei Surprise, che corrono anche nella Orc, con alla testa il mitico “Speedy” di Bruno Bottacini e Daniele Balzanelli di Torri del Benàco. Speedy è anche primo nelle classifiche Orc e del Gruppo P 3, mentre nel P 4 c'è “Lalissa”, il grande Dehler portato da Bruno Fezzardi.

In acqua c'erano anche le barche scuola velica di Desenzano con Asso 99 e Dolphin, gli skipper Marco Pedroni, Stefano Ramazzotti, Stefano Giroli e Marco Luzzi. Sempre nel week end è andata in scena la doppia premiazione 2020- 2021 della flotta Orc del Garda, le regate a tempi compensati, che mettono insieme i vari tipi di imbarcazioni. Skipper e dirigenti sono stati ospiti del Marina Porto di Moniga. Nel corso dell'incontro sono stati ricordati alcuni soci scomparsi come Piero Barziza ed Ennio Maffezzoli.

Il tutto si è svolto alla presenza del Consigliere Nazionale di Federazione Italiana Vela Domenico Foschini ed i presidenti dei Club di Circolo Nautico Brenzone, Fraglia Vela Peschiera e Desenzano, Yachting Club Torri, Nauticlub Moniga, Circolo Vela Gargnano con il presidente Lorenzo Tonini che ha presentato la nuova Centomiglia, che il settembre del prossimo anno si correrà su due giornate. A maggio, sempre a Gargnano, si correrà poi il Campionato Italiano Mini Altura Assoluto Orc nel mese di maggio 2022.

 

(CAMPANIA) (28.11) NAPOLI, ALLERTA METEO: rinviata per maltempo la terza prova dell'Invernale, valida per la Coppa Aloj - A causa delle avverse condizioni meteo marine nel golfo di Napoli, il Comitato di Regata del Campionato Invernale di vela d’altura del golfo di Napoli, valutata l’allerta meteo emessa dalla Protezione Civile e l’avviso di burrasca del servizio meteo dell’Aeronautica Militare, ha deciso di annullare la regata valida come terza prova del Campionato, che avrebbe assegnato la Coppa Aloj. La decisione è stata presa nelle prime ore di questa mattina. La Coppa Aloj, organizzata dal Reale Yacht Club Canottieri Savoia, sarà recuperata domenica 12 dicembre 2021, nell’ambito della quarta prova del Campionato, che assegnerà anche il Trofeo Giuseppe Martinelli. 

 

(LOMBARDIA – GARDA BRESCIANO) LA VELA D'INVERNO DEI DOLPHIN 81 - Nel week end si replica con la seconda tappa del 30° Cimento Invernale della Fraglia Vela Desenzano del presidente Loda, manifestazione che si svolge sotto l'egida della Federazione Italiana Vela. Si parte dalle classifiche della prima giornata con grande protagonista la classe Dolphin 81, un progetto di Ettore Santarelli con la prima lunga serie di esemplari allestiti al Cantiere Maxi Dolphin di Erbusco, in Franciacorta.

La prima giornata ha visto l'affermazione di “Capovento”, la carena armata da Marco Polettini, affidata a suo figlio Mattia e all'equipaggio che abitualmente regata con Twister-Sterilgarda con Alessandro e Flavio Bocchio, Enrico Carè, Andrea Mogno. Il team precede in classifica (provvisoria dopo due manche) Umberto Grumelli che ha portato all'esordio il suo nuovo “Joker” (nel ricordo di quella carena che ispirò proprio il primo Dolphin), terzi i Campioni d'Italia di Baraimbo degli appassionati Imperadori e Razzi, con Mantù Azzi al timone.

Seguono i due gentlemen-skipper Giovanni Perani e Francesco Crippa. Miseria Nera di Acquaviva guida tra i piccoli Meteor precedendo la prima dama, Stefania Mazzoni, skipper della Canottieri Garda. I Surprise vedono in testa lo storico Speedy di Bruno Bottacini dello Yachting Club Torri (Verona). Nell'Orc davanti c'è la “Dolce Vita”, l'Ufetto 22 del team di casa con Alessandro Archetti, con il singolo Ilca vincitore anche della prima tappa del Contest del Gel-Laser, sempre a Desenzano.

 

(LAZIO) Seconda tappa dell’invernale Este24 a Santa Marinella, Milù4 di Andrea Pietrolucci si aggiudica la tappa davanti a Ricca D’Este37 e Est’è Mia - Condizioni di vento molto leggero per quattro belle regate dove gli equipaggi hanno dovuto gestire i pesi a bordo e la regolazione delle vele per cercare di dare velocità alla barca, ben 20 venti imbarcazioni al via di questa tappa. Milù4 Ricca D’Este37 e Est’è mia hanno chiuso nell’ordine, formando un podio che sa di novità rispetto alla tappa precedente. La flotta, come detto, sta mettendo in acqua nuovi equipaggi, armatori con esperienza nell’altura che stanno dimostrando il loro valore, sarà una stagione molto interessante. 

Andrea Pietrolucci - Milù4 : “E’ stata una giornata di vela fantastica. Siamo riusciti a chiudere due prove grazie alla capacità di queste splendide barche di navigare anche senza vento. La posizione in classifica mi fa piacere, ma il campionato è ancora lungo ed ho tanto ancora da imparare. Un applauso all’equipaggio ed un merito particolare, non solo per la bravura, ma anche per l’entusiasmo e la dedizione a Luigi Ravioli.”

Alberto Magni  su un Este 35 ha vinto la prima edizione della Roma per due nel 1994 e Antonio Matella è stato l'armatore del pluri vittorioso Este 31 Togal, un ritorno insieme che promette di far parlare. Alberto Magni e Antonio Matella - New Togal “Dopo 25 anni di stop abbiamo deciso di riprendere a regatare nuovamente insieme e per per farlo abbiamo scelto ancora i Cantieri D’Este. E' una classe molto divertente con regate veloci frenetiche e tecniche. La barca è velocissima in ogni condizione e la flotta decisamente agguerrita ma con il giusto spirito amichevole e teso al divertimento. E’ la barca ideale per riprendere a regatare con i figli e fargli assaporare il gusto di rivaleggiare ad armi pari"

Jacopo Pasanisi - Centro Velico Universitario: “Dopo il bel vento che ha caratterizzato la prima giornata di campionato, questa volta il meteo ha consentito ai 4 equipaggi del Centro Velico Universitario di continuare il percorso di affiatamento anche in condizioni di vento molto leggero, stando molto più attenti alla gestione dei pesi a bordo e alla regolazione delle vele per cercare di fare camminare più possibile la barca.. Ancora abbiamo molto da migliorare, ma la voglia è tanta e come al solito l'atmosfera che si respira a Santa Marinella è quella giusta, sia in mare che a terra”

www.este24.it    

 

(LAZIO) Gaeta, XVII° Campionato Invernale del Golfo, cronaca delle prime due giornate - PRIMA GIORNATA - Una splendida partenza, accompagnata da ottime condizioni meteo e caratterizzata da gare tanto combattute quanto divertenti. Non poteva cominciare nel modo migliore la diciassettesima edizione del campionato invernale del Golfo, la competizione velica alla quale il Cn Caposele Formia lavora quest’anno in sinergia con lo Y.C. Evs Gaeta.

Nella giornata di sabato i concorrenti della categoria Diporto hanno disputato una regata costiera di 6,5 miglia che la boa posta all’altezza della Montagna Spaccata, a Gaeta, ed arrivo davanti al Circolo Caposele, mentre la domenica è stata caratterizzata da due eccezionali prove a “bastone” per gli scafi della categoria Regata ed a “triangolo” per la Diporto.

In classe Diporto il comando della classifica generale è nelle mani di “Gavia”, diretta da Stefano Zannella ed in forza al Terracina Vela Club, autore di due vittorie e di un secondo posto con il quale precedere in graduatoria “Giovanna Impertinente” di Giovanni Cicala (Lni Formia) e “Diana” di Alessandra Albano (Cn Caposele), entrambi ad 8 punti, ma con il primo attualmente avanti in virtù di un primo posto conseguito nella seconda prova. In classe Regata è già sfida serrata tra “Globulo Rosso” di Alessandro Burzi e “Vlag” di Luca Baldino, ai vertici sia in classifica Irc che Orc.

SECONDA GIORNATA - Una sola prova effettuata, ma piena di emozioni e di pathos. Il secondo week end del campionato invernale del Golfo, la competizione organizzata dal Cn Caposele Formia in sinergia con lo Y.C. Evs Gaeta, è stato forzatamente disputato a scartamento “ridotto”, per via delle avverse condizioni meteorologiche, ma una gara ufficiale, tenuta nella giornata di domenica, è bastata a dar vita alla manifestazione.

Iniziata, come nel desiderio di tutti, ricordando degnamente la figura di Giacomo Bonelli, venuto a mancare nei giorni scorsi, con una sorta di “brindisi” collettivo in mare, prima della partenza, come lo stesso “Commodoro” avrebbe senza dubbio desiderato.

Quindi, la prova ufficiale che ha visto di scena le imbarcazioni delle classi Regata e Diporto, nelle quali i protagonisti dello scorso week end agonistico hanno saputo confermarsi in vetta alle rispettive classifiche.

In classe Regata, a contendersi il primato sono “Globulo Rosso” diretto da Alessandro Burzi e “Vlag”, dello skipper Luca Baldino, entrambi in forza al succitato circolo gaetano, che stanno dominando sia in classe Irc (leadership dei Globuli su Vlag con tre punti di vantaggio) che Orc (parti invertite, Vlag è davanti di tre lunghezze rispetto a Globulo).

Nella classe Diporto, primo posto confermato per “Gavia”, di Stefano Zannella ed in forza al Terracina Vela Club, che ha vinto consolidando la propria leadership davanti a “Diana”, guidata da Alessandra Albano e portacolori del Cn Caposele, e “Giovanna Impertinente” di Giovanni Cicala (Lni Formia), sceso in terza piazza dopo il quarto posto di tappa alle spalle di “Pampero”, timonato da Daniele Ercoli.

Il nuovo appuntamento è adesso fissato per il prossimo 28 novembre per il Gruppo Regata, mentre la classe Diporto tornerà a gareggiare l’11 dicembre, data per la quale è previsto anche l’esordio per la classe Star.

 

(LIGURIA) 38° Campionato Invernale West Liguria - Autunno in regata allo Yacht Club Sanremo - E’ iniziato con una giornata primaverile il primo giorno della seconda tappa del Campionato West Liguria ”Autunno in Regata” : 8 /10 nodi e sole caldo accolgono i partecipanti, un bel percorso costiero di 12,5 miglia attraversa il Golfo Sanremese.

Due belle partenze delle due classi: la prima a prendere il via è la classe IRC e ORC che dopo laschi, poppe e boline vede vincitore in tempo compensato Il Pingone di Mare IIII di Federico Stoppani , una new entry di quest’anno rivelatosi un’ ottima barca. Al secondo posto lo Swan 45 di Marco Babando che taglia per primo la line honour. Al terzo posto il sempre verde e glorioso Resolute Salmon, timonato da Beppe Zaoli.

Bella lotta tra i tre Solaris 44 di cui due terminano a 10 secondi di distanza dopo un lungo match race personale. Nella classe Racing Club trionfo per L ‘ Este 24 di Rino Minio, davanti a Liberamente di Mario Beraldi e Furibonda di Giancarlo Vedelago. Domenica purtroppo un forte vento di levante che soffia fino a trenta nodi costringe il Comitato di regata a non far uscire le barche, pertanto regata annullata.

Il Campionato riprenderà l’11 dicembre con un’interessante novità.

 

(LAZIO) ANZIO-NETTUNO: domenica 14 novembre le classi Altura hanno disputato una intensa prova (di vento e pioggia) per il Campionato Invernale Anzio e Nettuno 2021-2022, giunto alla sua 47ma edizione - Dopo il nulla di fatto della giornata di apertura dello scorso mese, quando ancora si respirava aria estiva, oggi si è disputata la prima prova per la flotta dell’Altura del Campionato Invernale Anzio e Nettuno.

Il Golfo si è presentato con il suo abito invernale migliore e ha subito messo alla prova le 14 imbarcazioni iscritte, impegnandole a fondo con un vento rafficato da est-sud/est di intensità superiore a 20 nodi con punte fino a 25, onda incrociata e tanta pioggia. I ritiri non sono mancati, fortunatamente senza danni alle persone, ma il Comitato presieduto da Luigi Cicala ha regolarmente portato a termine la prova, ben decidendo successivamente di far rientrare in porto i partecipanti vista la previsione di ulteriore peggioramento meteo.

Nel raggruppamento delle imbarcazioni più grandi scontro serrato tra barche della stessa dimensione che ha visto prevalere sia in IRC che in ORC il Salona 41 Meridiana di Sergio Liciani (CVR) davanti ai due gemelli First 40 Calipso-Enway di Andrea Orestano (CVR) (secondo) e Hydra Enway dell’Asd Vele al Vento (CVF). Tra i piccoli sia in IRC che in ORC ha prevalso Excalibur l’X35 Mod. di Fabrizio Gagliardi (CVR).

Classifiche

Appuntamento al 28 novembre prossimo per la terza giornata del campionato.

Circoli organizzatori: Circolo della Vela di Roma, Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, Lega Navale Italiana sez. Anzio, Nettuno Yacht Club

Collaborano alla manifestazione: Half Ton Class Italia, Vele al Vento asdm Sezione Velica Marina Militare di Anzio, Marina di Capo d’Anzio, Marina di Nettuno

 

(CAMPANIA) CAMPIONATO INVERNALE DI NAPOLI, COSIXTY DI SALVATORE CASOLARO VINCE LA 33^ COPPA ARTURO PACIFICO - Cosixty, imbarcazione dell’armatore Salvatore Casolaro (Circolo Nautico Torre Annunziata), ha vinto la 33esima edizione della Coppa Arturo Pacifico, messa in palio dal Circolo del Remo e della Vela Italia nell’ambito del cinquantesimo Campionato Invernale di vela d’altura del golfo di Napoli. Con un primo e un secondo posto di giornata, Cosixty ha confermato quanto di buono fatto sette giorni fa nelle acque partenopee, nel corso della prima tappa delle due in programma, chiudendo saldamente al comando e aggiudicandosi il prestigioso trofeo. Al secondo posto nella classe Orc si è classificato Nientemale di Giuseppe Osci e Riccardo Calcagni (Lega Navale di Pozzuoli), al terzo Patricia di Domenico Buonomo (Lni Napoli). 

“Siamo soddisfatti, è stata una giornata positiva su un bel campo di regata. Abbiamo marcato i nostri diretti avversari ed è andata bene”, commenta Casolaro. “Ringrazio il mio equipaggio e in particolare il tattico Roberto Cosentino. Adesso ci concentriamo sulle altre prove dell’Invernale, che è un nostro obiettivo”.

Sempre oggi si sono svolte anche altre due prove nella classe Sportboat, vinte da equipaggi del Circolo Nautico Torre del Greco: Gaba di Claudio Polimene, al comando della classifica generale dell'Invernale dopo quattro regate, e Jeko 3. Tra i Gran Crociera, successo di Farouche di Vincenzo Toscano della Lega Navale di Napoli; in graduatoria guida Diecitrentuno di Sergio Della Volpe Sergio (Lega Navale di Pozzuoli). Il Campionato Invernale di Napoli riprenderà domenica 28 novembre con la terza regata in programma, la Coppa Giuseppina Aloj. 

Cosixty - Ph. Antonella Panella

 

(LAZIO) A RIVA DI TRAIANO UNA DANZA TRA SOLE E PIOGGIA. Sabato 13 prima regata della stagione per la classe "Regata" con un gran sole e poco vento, domenica acqua a catinelle sull'intera flotta. Tra i Regata in IRC in testa a pari punti Athyris, Tevere Remo e Duende - A Riva di Traiano sono andate in scena due bellissime e divertenti giornate di vela, completamente diverse tra di loro. Il sole, splendido, di sabato allietato da uno scirocchetto che invitava all'ozio, contrapposto alle nuvole, cupe e oppressive di domenica, con la pioggia battente che inumidiva le cerate. 

In queste due condizioni diversamente estreme si sono portate a casa ben tre prove, che hanno dato il vero start all'Invernale di Riva di Traiano e generato una classifica così avvincente da rendere impossibile, al momento, qualsiasi tipo di pronostico. Nella classe Regata in IRC, la classe regina, tre barche sono a pari merito in vetta alla classifica: Athyris&C, Grand Soleil 43B di Piergiorgio Nardis, Tevere Remo Mon Ile, First 40 di Gianrocco Catalano, Duende Aeronautica Militare, Vismara 46 di Raffaele Giannetti. Tutti hanno vinto almeno una prova e guidano la classifica con 8 punti. Ma Ars Una, Mylius 15E25 di Vittorio Biscarini, con tre terzi posti consecutivi, segue a 9 punti. Per la potente e velocissima barca azzurra, che paga tanto al ratinng, due giornate entrambe convincenti hanno mostrato la sua forza sia con i venti leggeri sia in condizioni difficili. 

“Portare fino in fondo queste due giornate con tre regate disputate e con una meteo che, domenica, ha mostrato il suo volto peggiore – ha commentato il presidente del CNRT Alessandro Farassino – ha messo in luce, oltre alla qualità delle imbarcazioni scese in acqua, anche quella del nostro Comitato di Regata, uscito anch'esso vittorioso da una domenica tremenda. Anche se bagnati fino al midollo Fabio Barrasso e gli UdR Cecilia Mazzoni e Marina Ferrieri hanno tenuto botta fino all'ultimo secondo di regata. D'altronde la qualità dei partecipanti presuppone una pari qualità dei giudici e la presidenza della Giuria, affidata al Vice Presidente della FIV Giuseppe D'amico e all'UdR Emerito Osvaldo Pierucci, lo dimostra.

"E' stato un bel week end di regate e non solo. Abbiamo premiato i vincitori del campionato 19/20, l'ultimo disputato, e presentato il campionato 21/22 alla presenza del sindaco di Civitavecchia, Ernesto Tedesco, dell'Assessore al Turismo, Emanuela Di Paolo e del consigliere regionale Emiliano Minnucci e siamo contenti dei patrocini avuti dalla città e dalla regione. La vela è una leva potente per il rilancio turistico di Civitavecchia, e siamo lieti di esserne partecipi. Quast'anno ci sarà anche un'attenzione ancora maggiore all'ambiente e al territorio con il supporto dell'AMI-Ambiente Mare Italia e del Porto Turistico di Riva di Traiano, rappresentate in questa occasione rispettivamente dal presidente di AMI Alessandro Botti e da Luciano Vetturini, delegato del CdA del porto. Sarà un invernale che dedicherà attenzioni, con molti premi, ai giovani, alla cultura e al territorio. Nella parte puramente agonistica viene confermato il Trofeo Paolo Venanzangeli per il vincitori in classe Regata IRC, e vengono istituiti altri due trofei challenge, il Città di Civitavecchia (Regata ORC) e il trofeo Regione Lazio (Classe Crociera)”. 

Le regate - Sabato si è disputata la giornata di recupero per la classe Regata in una giornata assolata e con un vento di scirocco leggero tra i 7 e gli 8 nodi che è poi girato a sud scendendo anche di intensità. Dopo una prima prova vinta da Tevere Remo Mon Ile su Duende e Ars Una, gli equipaggi erano convinti di rientrare in porto ma il Presidente del Comitato di Regata Fabio Barrasso ha chiamato una seconda prova, che è stata poi portata a termine, pur dovendosi interrompere anticipatamente alla seconda boa di bolina. Ne usciva vittoriosa Duende, seguita da Athyris&C e Ars Una.

La terza prova, domenica, era di tutt'altro tenore e tra nuvole e scrosci di pioggia, era Athyris&C ad apporre il proprio sigillo, seguita da Tevere Remo Mon Ile e Ars Una. Della classifica in IRC abbiamo già detto, mentre quella in ORC dopo tre prove vede in testa Athyris&C con 4 punti (2-1-1), seguita da Tevere Remo Mon Ile con 10 punti (1-6-3) e Ars Una con 11.5 punti ( 5.5-4-2).

Per i Crociera una sola prova domenica sotto la pioggia vinta da Soul Seeker, X362 Sport di Federico Galdi, seguito da Randagia, First 31.7 di Francesco Borghi, e da Malandrina, First 36.7 di Roberto Padua. In classifica Generale Soul Seeker (1-1-1) precede Malandrina (2-2-3) e Randagia (3-4-2). Nella Coastal Race, che ha regatato verso Capo Linaro per una decina di miglia, continua il dominio di Fahrenheit, Comet 38S di Giuseppe Massoni che guida la classifica generale.

ph. M. Ferrieri 

 

(FRIULI VENEZIA GIULIA) Iniziato a Lignano Sabbiadoro il 32° Campionato Autunnale della Laguna e 8° del Diporto - Ottimo inizio a Lignano Sabbiadoro per il 32° Campionato Autunnale della Laguna e 8° Campionato Autunnale del Diporto, tornato al primo appuntamento con 27 barche iscritte provenienti da tutto il Friuli Venezia Giulia e Veneto, dopo un anno di stop forzato. Avvio dai connotati autunnali con tempo nuvoloso, ma fortunatamente senza pioggia e con un vento, che inizialmente leggero e "salterino" è poi girato a bora e ha permesso la disputa di una seconda prova più impegnativa con raffiche sui 15 nodi circa.

Lo staff dello Yacht Club Lignano come sempre è stato pronto ad organizzare questo Campionato con lo stesso spirito di sempre, che si contraddistingue per essere professionale, ma allo stesso tempo familiare. Un Campionato, che in questo primo appuntamento dei quattro totali, era valido anche come Campionato Zonale XIII Zona FIV e come tappa NARC - North Adriatic Rating Circuit (assieme alle prove di domenica prossima 21 novembre), per quelle barche in gara nella classifica ORC, a compensi. Alto il livello tecnico espresso in acqua con barche performanti ed equipaggi preparati; attese nuove iscrizioni, che si aggiungeranno ai prossimi appuntamenti.

Vincitori nella Divisione Open nelle varie classi A-B-C-D, sono stati rispettivamente lo Sly 43 "Dara 3" di Vittorio Morelli (1-DNS, YC Lignano), lo Starkel 41 "Vega" di Paolo Milan (1-1, YC Jesolo), l'Italia Yacht 998 "Take Five jr." di Roberto Distefano (2-1, YC Porto San Rocco), il J92S "Furkolkjaaf" di Elio Polo (1-1, DN Sistiana).

Per quanto riguarda la classifica per compensi ORC (per tutte quelle barche munite di certificato di stazza UVAI) in divisione Crociera A/B in testa il Rimar 41.3 "Cattiva Compagnia" (1-1, YCLignano), in classe C/D Crociera Take Five jr (1-1), mentre nella divisione Regata in classe A/B in testa il Solaris 36 Mayflower di Riccardo Zuccolo (3-3, SN Pietas Julia) e in classe C/D Furkolkjaaf (4-5). 

In regata per l'8° Campionato Autunnale del Diporto con classifica in tempo reale una decina di imbarcazioni: Wine & Spirits (1-1, YCLignano), Wind (1-1 YC Lignano) e Città di Fiume 2 (LNI Pordenone) sono al comando delle rispettive classi.

Una volta tornati a terra bel momento conviviale nella "Piazzetta" di Marina Punta Faro, grazie al tempo che via via è migliorato e ha permesso di gustare all'aperto una calda pizza Roncadin offerta a tutti i partecipanti. Domenica 21 novembre pronti per il secondo appuntamento dell'Autunnale di Lignano, dove la vela è tra laguna, montagne innevate e mare.

Classifiche 

 

(LOMBARDIA) DESENZANO, 30 ANNI DI CIMENTO INVERNALE - Oltre quaranta imbarcazioni al via la scorsa domenica 14 novembre per la prima prova della 30ᵃedizione del Cimento Invernale, regata ormai storica organizzata dalla Fraglia Vela Desenzano che ogni anno sprona i regatanti più coraggiosi del lago a sfidarsi fra le boe nel gelo dei mesi più ostici.

La manifestazione, concomitante con il 24° Santarelli Days, è riservata alle Classi “Crociera” e “Monotipo” e viene disputata su un percorso a “bastone” nel golfo di Desenzano. I regatanti sono stati beneficiati sia da un bel Peler sui 12 nodi che ha consentito lo svolgimento di due combattutissime prove sia da una pioggia copiosa dal sapore decisamente autunnale.

Nella classifica ORC generale, vittoria per “la Dolce Vita” timonata da Alessandro Archetti (FV Desenzano), 2° “Speedy” con Daniele Balzanelli (YCTorri), 3° “Surprendimi” con Michele De Rossi (Il Paterazzo), 4° Testarossa” con Andreas Sammer (YVC) e 5° “Lalissa” con Bruno Fezzardi (FV Desenzano).

Nei Dolphin 81 la vittoria va a “Capovento” timonato da Mattia Polettini (FV Desenzano) seguito da “Joker” con Umberto Grumelli (FV Desenzano) e “Baraimbo” con Lorenzo Azzi (FV Desenzano). Al 4° posto “Insolente” con Giovanni Perani (FV Desenzano) e 5° “N’Do It di Francesco Crippa (FV Desenzano).

Per i Meteor podio a “Miseria Nera” timonato da Pierantonio Acquaviva (FV Desenzano) seguito da “Spring Time” con Stefania Mazzoni (SCG Salò) e “White Wave” con Andrea Ravanelli ( AVTrentina). La classe Surprise vede al primo posto “Speedy” con Daniele Balzanelli (YCTorri) al timone, 2° “Surprendimi” con Michele De Rossi (Il Paterazzo) e 3° “Testarossa” con Andreas Sammer (YVC). Al termine pastasciutta, salamelle e birra per tutti i partecipanti.

Prossimi appuntamenti del 30° Cimento Invernale, sempre alla Fraglia Vela Desenzano: domenica 28 novembre, domenica 16 gennaio 2022 e domenica 30 gennaio 2022. Tutte le informazioni presso il circolo velico.

 

(CALABRIA) CETRARO SAILING CUP - Week-end di campionato all’insegna del forte vento che ha impegnato non poco regatanti e organizzatori. Nella classifica generare Crociera-regata conduce Sekeles, mentre in Gran Crociera-Vele Bianche primo posto per Asch - Il Centro Velico Lampetia Cetraro, insieme al Circolo Velico Santa Venere e al supporto della Lega navale di Cetraro, ha dato il via al primo week-end di regate a Cetraro.

La prima giornata è stata caratterizzata da un forte vento da est che ha condizionato il regolare svolgimento della prova in mare. Prima un salto di vento di 180° che ha causato il rinvio della partenza, poi raffiche che hanno sfiorato i 40 nodi, hanno costretto il Comitato di Regata presieduto dal palermitano Francesco Macaluso, a decretare l’annullamento della prova dopo un solo giro sulle boe per motivi di sicurezza.

Al termine della gara, alcune imbarcazione con motori in panne hanno dovuto inoltre richiedere assistenza alla Capitaneria di Porto di Cetraro, prontamente intervenuta in mare con la motovedetta. Tutte le procedure di emergenza si sono concluse con esito positivo.

Nella seconda giornata Eolo ha regalato due prove alle imbarcazioni che si sono date appuntamento a Cetraro. Il vento da est ha permesso il regolare svolgimento della prima prova, mentre la seconda è stata ridotta a un solo giro disputato su un campo di regata a “bastone” (boa di bolina verso terra e boa di poppa a largo).

La linea dello start posizionata nelle acque antistanti il lungomare della marina e all’altezza del centro storico di Cetraro, ha regalato emozioni anche ai tanti spettatori che hanno potuto seguire la gara dalla terraferma.

Per redigere le classifiche la giuria ha suddiviso le imbarcazioni in tre categorie: Regata-Crociera, Gran Crociera e Vele Bianche.

La prima prova nella classe Crociera/Regata è andata al blasonato equipaggio di Sekeles armato da Fata Morgana asd della Lega Navale di Messina. Secondo posto per i ragazzi di Essenza-Nature Med armata dal Centro Velico di Cetraro. Terza posizione per Mordilla di Antonio Principato del CVL Cetraro. Quarto posto per Splash di Michele Albanese del Circolo Velico Santa Venere, seguito dall’equipaggio familiare di Olympus di Michelangelo Ferraro. Sesta posizione per il potente Drake di Marco Aiello del CVSV.

Nella seconda prova di domenica 7, disputata su un solo giro a causa di un notevole salto di vento, Splash ha la meglio su Sekeles, mentre essenza scivola al terzo posto, seguita da Olympus, Mordilla e Drake che si conferma al 6° posto. Assente per il momento nelle acque di Cetraro il forte equipaggio vibonese di Damanhur, armata da Ferrone-Monteleone, che con la loro presenza avrebbero contribuito ad alzare l’asticella tecnica della manifestazione. Assente nel primo week-end per motivi tecnici anche Brise.

La classifica generale Crociera/Regata dopo due prove disputate vede meritatamente al comando l’M37 Sekeles, seguita dal Grand Soleil 40 Splash e dal Queen 34 Essenza-nature Med. Quarto posto per il Farr 30 Mordilla, 5° per il J24 Olympus e 6° per l’Hanse 531 Drake.

Nella categoria Gran Crociera e Vele Bianche la classifica generale vede al comando Asch (CV Lampetia Cetraro), l’Hanse 400 di Francesco Converso (2° posizione nella prima prova e 1° nella seconda prova di giornata). Seconda posizione per Ariel (CVL), l’X-412 di Sandro Fabiano (1°-3°). Chiude il podio Katchupitchu (CVL), il First 31.7 di Massimo Senatore (3°-2°). Seguono Nonchalance (Reggio Calabria Yachting Club), l’Oceanis 45 di Enzo Comi (4°-4°), Champagne II (CVL) di Giorgio lo Feudo a bordo del Gib Sea 302, Barbuda (CVL) di Giovanni Turco sul suo Sun Odyssey 39i, Giuseppe Iero (RCYC) con il SO 35 Hakuna Matata, The Song You di Francesco Murmura (CVSV), Carlotta del presidente del Circolo Velico Santa Venere Gianfranco Manfrida, il First 31.7 Cocoon di Vittorio Mazzei (CVL), e Maga By Too, l’Oceanis 473 di Fausto Aiello (CVSV).

Prossimo e ultimo appuntamento a Cetraro il 20 e 21 novembre per la conclusione della Cetraro Sailing CUP, la cui classifica finale è valida per il XV Campionato Invernale e l’assegnazione del Trofeo Challange per Club Manfredi Liquori.

 

(LOMBARDIA) GARDA, DESENZANO: alla Fraglia Vela Desenzano è ora di Cimento Invernale - L’autunno si tinge di colori mozzafiato intorno al lago, le giornate diventano sempre più corte, le temperature si abbassano e le montagne che incorniciano il Garda iniziano a imbiancarsi. L’inverno s’avvicina, ma la Fraglia Vela Desenzano non va in vacanza.

Dopo una stagione estiva segnata da ampia partecipazione e grandi numeri sia di giovani che di velisti adulti coinvolti nelle varie attività fino a ottobre, è ora del Cimento Invernale. Evento che il circolo desenzanese organizza in quattro giornate, nel golfo di Desenzano del Garda, con il patrocinio del comune e di Regione Lombardia: il 14 e 28 novembre e il 16 e 30 gennaio 2022. Ogni data sarà scandita, oltre che dalla consueta regata anche da un appuntamento enogastronomico, a cominciare da domenica 14 novembre con la tradizionale castagnata. 

All’evento velico, che è ormai un appuntamento atteso della stagione invernale sul Garda, si sono già iscritte una quarantina di barche. L’ultima data del circuito, domenica 30 gennaio 2022, sarà contraddistinta dal rilancio della formula “Ski Yachting”, un intenso weekend di sci e vela: sabato 29 gennaio sciata sui monti e regata domenicale sul Garda; quindi ogni equipaggio dovrà essere composto da bravi velisti e anche da abili sciatori. 

«La Fraglia Vela non va in letargo – afferma il presidente Stefano Loda – ma ci aspettano una serie di appuntamenti invernali che coinvolgeranno in primis i soci della Fraglia, ma anche numerosi velisti di altri circoli del lago. E ancora una volta il nostro golfo di Desenzano sarà un punto di riferimento per la vela e la socializzazione. In più, quest’anno abbiamo lanciato la novità della combinata “Ski Yachting”, una gara che unisce montagna e lago, sciatori e velisti, per due giornate a stretto contatto con la natura».

Tutte le attività di regata si svolgeranno secondo le regole del World Sailing Racing Rules in vigore, secondo le disposizioni in materia di contrasto e contenimento della pandemia di Covid19.

 www.fragliavela.it

 

(LAZIO) FIUMICINO, Campionato Invernale d'altura, giornata da "lupi di mare": scirocco dai 15 ai 20 nodi ha caratterizzato la seconda giornata del Trofeo città di Fiumicino - Domenica impegnativa per i settanta equipaggi che domenica hanno preso parte alla seconda tappa del Campionato Invernale d'altura di Roma - Trofeo Città di Fiumicino, organizzato dal Circolo Velico Fiumicino con la collaborazione dell'UVAI e della Federazione Italiana Vela. 

Una sola prova disputata, con un vento di scirocco che ha soffiato nella prima mattinata con una intensità di 15 nodi, poi salita con punte anche di 24 nodi: sicuramente una giornata impegnativa per gli equipaggi in acqua che ha costretto alcune imbarcazioni di ridurre la superficie velica "prendendo una mano di terzaroli", ma dove non è mancato il divertimento anche per gli equipaggi meno esperti. Ad avere la meglio sono stati i team con "lupi di mare" a bordo, a cominciare dall'equipaggio del NOR37 "Nautilus 41 12" di Pino Stillitano che ha tagliato per primo il traguardo sia in tempo reale che in tempi compensati ORC, seguito da Pestifera di Gherardo Maviglia, del team Centro Roma Vela. E' stato invece Pino Raselli con il suo Sly Fox a dominare nella classe Regata 2, davanti a M'Art di Edoardo Lepre, replicando il risultato della prima giornata. Nella classe Crociera è stato invece Andrea Proietti a tagliare per primo il traguardo con la sua imbarcazione "Gaia", davanti a "Twelve" di Gabriele Pucilllo.

Nella classifica con compensi IRC il podio è ancora una volta occupato da "lupi di mare", con Pino Raselli al comando, seguito dall'imbarcazione di Pino Stillitano nella categoria Regata 1, mentre l'Elan 40 "Felgiva" di Carlo Di Carlo conquista la prima posizione fra i Regata 2, migliorando la prestazione della giornata precedente e segnando il sorpasso sull'Este 39 Pestifera e sul First 35 Jolie Brise di Federico Ceccacci, rispettivamente in seconda e terza posizione. Nella classe Crociera 1 è il Grand Soleil 40  Pippo Pippo ad avere la meglio, mentre fra le più piccole la vittoria è andata al Saffier SC800 Lysithea di Roberto Bocci. Il Comet 12 Mercuzio di Gianluca Gullotta si mantiene in vetta alla classifica nella categoria "Vele Bianche", nella quale rientrano le imbarcazioni che regatano esclusivamente con randa e fiocco. 

"La giornata è stata impegnativa, ma allo stesso tempo ha dato soddisfazione a tutti gli equipaggi presenti che sono riusciti a portare a termine la prova con condizioni di vento sostenuto e onda formata. La soddisfazione è stata sicuramente quella di aver tagliato il traguardo e, allo stesso tempo, di aver trascorso una giornata divertente" ha commentato il direttore sportivo del club, Massimo Pettirossi. Il Campionato invernale d'altura di Roma proseguirà il 28 novembre con il terzo appuntamento della stagione.

www.cvfiumicino.org

 

(LIGURIA) SANREMO: 38° Campionato Invernale West Liguria, seconda tappa AUTUNNO IN REGATA: 13/14 Novembre 2021; 11/12 Dicembre 2021 - Ultimi giorni prima dell’avvio della seconda tappa del 38° Campionato Invernale West Liguria, l’Autunno in Regata, che inizia nel week end del 13/14 Novembre 2021. La flotta delle 30 barche sarà suddivisa in due raggruppamenti: IRC/ORC e RACING CLUB, quest’ultime con certificato Orc Club. Una gran bella flotta di alto livello che regateranno sia su percorsi costieri che regate a bastone.

Molto interessante la lotta nella flotta ORC all’interno della quale, oltre alla novità del Pingone di Mare IIII che ha esordino molto bene al Trofeo Grimaldi, concorreranno ben tre Solaris 44 che si sfideranno in un testa a testa: Farewell, Crab e 85XL, tre imbarcazioni identiche uscite dal famoso cantiere, sarà molto interessante vedere chi raggiungerà i migliori risultati.

La seconda tappa proseguirà con un altro appuntamento, l’11 e 12 Dicembre.Domenica 12 Dicembre, al termine della regata, avrà luogo la cerimonia di premiazione dell’Autunno presso la sede dello Yacht Club Sanremo.

Dopo il completamento dell’Autunno in Regata i partecipanti avranno circa un mese per riposarsi  per poi tornare in mare con la terza tappa del West Liguria, l’Inverno in Regata, in calendario il 15/16 Gennaio 2022, ma anche per affilare le armi in vista dell’ultimo appuntamento del Campionato Invernale, ossia il “Festival della Vela”, in calendario a febbraio, e precisamente il 26/27, ed ultima tappa della lunga rassegna che anima le acque di Sanremo e del Ponente durante la lunga stagione invernale.

 

(LAZIO) RIVA DI TRAIANO, SI REGATA SABATO 13 (CON ANNUNCIO DEI NUOVI PREMI 21-22) E DOMENICA 14 (A SEGUIRE LA PREMIAZIONE DELLA SCORSA EDIZIONE) - Riprende sabato 13 Novembre il Campionato Invernale di Riva di Traiano – Trofeo Città di Civitavecchia, con la classe “Regata” che scende in acqua, per la prima volta nella stagione, per recuperare la prova del 31 ottobre saltata per l’indisponibilità di molte imbarcazioni impegnate nella Rolex Middle Sea Race e nella Coppa Italia d’Altura. Nel pomeriggio, alle ore 15:30, è prevista, in piazzetta dei Marinai, la cerimonia di premiazione del Campionato Invernale 2019/2020 rimasta in sospeso da oltre un anno.

Per fortuna si ricomincia e, nel rispetto dei protocolli di sicurezza anti Covid, potranno finalmente essere premiate le barche vincitrici: Tevere Remo di Gianrocco Catalano, dominatore tra i Regata; Soul Seeker di Federico Galdi, vincitore tra i Crociera; Fair Lady Blue di Oscar Campagnola, primo in IRC X2 e Fahrenheit di Giuseppe Massoni primo in ORC X2 nella Coastal Race;  Bangherang Evo di Fabrizio Venturini, primo nella Coastal in equipaggio.  

“Sono contentissimo di questo ritorno alla normalità – commenta il presidente del CNRT Alessandro Farassino – e di rivedere e premiare tutti gli equipaggi dell’ultimo invernale ante Covid. Sarà anche l’occasione per fare il punto sull’organizzazione di quest’anno ed annunciare le tante novità relative ai premi di questa edizione 21/22”.  

Il giorno successivo, domenica 14 dicembre, sarà tutta la flotta a scendere in acqua per la seconda giornata del Campionato. Le previsioni al momento danno come probabile un vento di scirocco che domenica dovrebbe soffiare con più forza, 7/9 nodi, contro i 5/6 di sabato. Situazione inversa per la pioggia, che è largamente prevista per sabato, per lasciare posto (forse) ad un po’ di sole la domenica. 

 

(PUGLIA) CIRCOLO DELLA VELA BARI, SECONDA EDIZIONE DELLA COPPA D’AUTUNNO DEL CV BARI, XXXIV TROFEO CRISTOFORO BOTTIGLIERI- IL 21 NOVEMBRE LA SECONDA GIORNATA DI PROVE PER DECRETARE I VINCITORI DEL TROFEO - Si sono presentati in 18 sulla linea di partenza della prima giornata del XXXIV Trofeo Cristoforo Bottiglieri. Alle 15 imbarcazioni che avevano già dato la loro adesione se ne sono aggiunte altre tre, con grande soddisfazione degli organizzatori. Dedicato al pioniere della vela, tra i fondatori del Circolo della Vela Bari, team manager, giudice di regata e capo della sezione ufficiali di regata, nonché primo presidente dell'VIII Zona Fiv, e valido come seconda giornata della seconda Coppa d’Autunno del Circolo della Vela Bari, il Trofeo Bottiglieri ha visto la partecipazione di 4 imbarcazioni di altura, 8 di minialtura e 6 di classe amatoriale. 

Ad accompagnare la giornata, uggiosa e con cielo sempre coperto, un vento da Nord di intensità variabile tra i 6 e gli 8 nodi con mare leggermente mosso e corrente da Nord-Ovest di circa 1 nodo. Nel corso della seconda prova il calo di vento ha costretto la giuria a ridurre il percorso della categoria Altura che altrimenti non sarebbe riuscita a concludere la gare nel tempo di due ore previsto dalla istruzioni di regata.

In classe altura la prima classificata è Anda Ya (Cus Bari) di Luigi Fantozzi con Marco D’Arcangelo al timone seguita da Shamir (CV Bari) di Nicola Turi e da Faust X2 di Paolo Scattarelli (CN Bari). In minialtura invece la classifica vede al primo posto Zagor di Alberto Lorusso (CN Bari) seguita da Extravagance di Giuseppe Pannarale (Cus Bari) e da Nellaria di Vito Laforgia (CN Bari) con Fabrizio Buono al timone. Infine, in classe amatoriale il primo posto è occupato da Hydra di Valerio Savino con Vito Lozuppone al timone (CV Bari), il secondo da Scintilla di Alessandro Inviti con Vincenzo Ranieri (CN Bari) al timone, infine il terzo posto è di Ganzuria IV di Claudio Dabbicco (CN Bari).

Il prossimo appuntamento è fissato per domenica 21 novembre con la seconda giornata del Trofeo Bottiglieri i cui risultati, insieme a quelli del già espletato Trofeo A. Carofiglio, concorreranno alla formazione della classifica finale della seconda Coppa d'Autunno del Circolo Della Vela Bari.

Ph. Patrizia Aversa, Bari Trofeo Bottiglieri

 

(LIGURIA) PRIME TRE SFIDE E SORPRESE PER IL CAMPIONATO INVERNALE DEL TIGULLIO - 7 novembre - Tre prove complessive nelle prime due giornate del 46° Campionato Invernale Golfo del Tigullio che nella stagione 2021-2022 si disputa sotto la regia del Comitato Circoli Velici del Tigullio diretto dallo storico organizzatore Franco Noceti con la partecipazione di Circolo Nautico Lavagna, Circolo Nautico Rapallo, Circolo Velico S.Margherita Ligure, Lega Navale Chiavari-Lavagna, Lega Navale Rapallo, Lega Navale S.Margherita Ligure, Lega Navale Sestri Levante, Yacht Club Chiavari, Yacht Club Italiano e Yacht Club Sestri Levante.

Trenta nodi di tramontana sabato, con condizioni davvero molto difficili per tutti gli equipaggi scesi in acqua. Doppia regata, invece, domenica con una decina di nodi di vento e una buona situazione meteomarina.

Capitolo ORC. Grande equilibrio nel gruppo 1 con Chestress3 di Giancarlo Ghislanzoni vincitore della prima prova, davanti a Blue Sky (Claudio Terrieri) e Suspiria the Revenge (Antonino Venneri), e Tengher (Alberto Magnani) grande protagonista nelle due regate successive: due affermazioni, la prima davanti a Blue Sky e Chestress3 e la seconda davanti a Chestress3 e Skarp di Vincenzo De Falco. Il gruppo 2 vede Sease (Giacomo e Franco Loro Piana) esprimere il proprio predominio nella prima regata precedendo Baciottinho (Roberto Gagliardi) e X Wave (Marco Roccatagliata). Nelle prove odierne, invece, a imporsi è sempre To Be (Stefano Rusconi), con Baciottinho e Sease ad alternarsi in seconda e terza posizione. I J80 si sono misurati nella giornata di oggi. A festeggiare al termine del primo confronto è stato Jeniale Euro System di Massimo Rama, leader davanti a Padawan (Donald Hart) e J Spirit (Marco Buzzo). J Spirit ha vinto la seconda prova davanti a  Jeniale e Padawan.

“Le indicazioni della vigilia, a proposito della grande competitività degli equipaggi iscritti, sono state confermate– afferma l’organizzatore Franco Noceti – La dimostrazione arriva dalla rotazione dei vincitori di queste prime prove dell’Invernale, segnale che da qui a febbraio la lotta sarà sempre più serrata”.

Le imbarcazioni provenienti da fuori Tigullio, iscritte a tutte le tre manche, sono ospitate per la durata di tutto il campionato presso il Porto di Lavagna, partner della storica manifestazione velica invernale insieme a Quantum e a Grondona. L’Invernale del Tigullio costituisce un’ottima opportunità di indotto per il territorio in un periodo di bassa stagione e, come sempre, contribuisce alla valorizzazione dal punto di vista turistico.

La prima (6-7 e 20-21 novembre) e terza (22-23 gennaio e 5-6 febbraio) manche si svolgono nelle acque del Golfo Tigullio. Per la seconda manche (4-5 dicembre e 8-9 gennaio) il teatro dei confronti sarà il Golfo Marconi. La partenza della prima prova, per le regate che si svolgeranno la domenica, verrà effettuata alle 9, per quelle del sabato dalle ore 11. La classifica overall del campionato prenderà in considerazione le due migliori manche di ogni equipaggio.

CLASSIFICHE COMPLETE TIGULLIO

 

(CAMPANIA) VIA ALL'INVERNALE DI NAPOLI - Vela: vento e sole per la prima giornata del 50° Invernale di Napoli. Nelle acque del golfo la Coppa Pacifico con 48 imbarcazioni: i risultati

Un vento caldo di scirocco di 14-16 nodi ha accolto i 48 equipaggi iscritti al cinquantesimo Campionato Invernale di vela d’altura del golfo di Napoli, iniziato questa mattina con la prima prova della Coppa Arturo Pacifico. Una “prima” da ricordare per le centinaia di appassionati che con le loro imbarcazioni hanno regatato nello “stadio del vento” del golfo partenopeo, per l’appuntamento che da consuetudine apre la manifestazione velica. L’assegnazione della Coppa Pacifico, organizzata dal Circolo del Remo e della Vela Italia del presidente Roberto Mottola di Amato e giunta alla 33esima edizione, avverrà al termine di due prove: la seconda è in programma domenica prossima, 14 novembre.

Vento teso e condizioni meteo ideali per le regate. Al termine delle due prove portate a termine del Comitato di regata presieduto da Luciano Cosentino, nella classe Orc comanda Cosixty dell’armatore Salvatore Casolaro (Circolo Nautico Torre Annunziata) che ha messo insieme due primi posti di giornata. Al secondo posto Nientemale di Giuseppe Osci e Riccardo Calcagni (Lega Navale di Pozzuoli), al terzo Patricia di Domenico Buonomo (Lni Napoli). 

Negli Sportboat, doppia vittoria di Gaba, il J70 di Claudio Polimene del Cn Torre del Greco che precede due scafi della Lega Navale di Napoli: White Magic e Jolly Roger di Mario Solli.

Hanno portato invece a termine una sola prova i Gran Crociera: l’ha vinta Diecitrentuno di Sergio Della Volpe Sergio (Lni Pozzuoli), secondo posto per Libera di Luigi Moschera (Circolo Savoia), terzo per Zen2 di Cesare Bertoli (Lni Pozzuoli). Domenica prossima si torna in mare per le prove conclusive della Coppa Pacifico. 

Ph. Antonella Panella

 

(TOSCANA) 45° INVERNALE DELL'ARGENTARIO, COASTAL RACE - E’ partito con il primo weekend il 45° Campionato Invernale dell’Argentario organizzato dal Circolo Nautico e della Vela Argentario

Sabato mattina alle 10:00 briefing sulla terrazza del CNVA, a fare gli onori di casa il Presidente Claudio Boccia, il Vicepresidente Maurizio Belloni e il Consigliere allo Sport Alberto Morici che hanno accolto i venticinque equipaggi che hanno scelto l’evento del CNVA per confrontarsi tra isole e boe. Il Partner del Campionato è Garmin, che ha deciso di collaborare con il Circolo per questo evento che si concluderà a metà marzo 2022; dieci orologi Quatix6 verranno estratti a sorte, uno per ogni giornata di regata, il primo armatore sorteggiato è risultato Cassiano Sabatini proprietario del Sun Fast 3200 Pizzi &  Teo.
Il Comitato di Regata presieduto da Maurizio Giannelli con la collaborazione di Carlo Gargaglia, Fabio Andreuccetti, Agnese Gargiulo, Mauro Vichi e Mimosa Fontana ha organizzato i percorsi costieri che caratterizzano questa manifestazione.
Poco dopo le 12:00 è iniziata la prima prova, il vento di grecale tra i 12 e i 18 nodi con mare calmo ha consentito al CdR di costruire un percorso tra Porto Ercole, Ansedonia la Formica di Burano e Punta Ciana per un totale di 16,3 nm.
La prima imbarcazione a tagliare il traguardo è stata Bangherang Evo, l’Azuree 46 di Fabrizio Venturini, ma la vittoria in tempo compensato sia in IRC che in ORC è andata a Jolie, il First 45 di Marcello Bernabucci.
Domenica seconda giornata di regate, prima di scendere in acqua il consueto appuntamento con gli armatori per la comunicazione del percorso scelto dal Comitato di Regata, al termine l’estrazione del secondo Garmin Quatix 6; la sorte ha premiato Filiberto Gioia, armatore del GS 43 Javal 2.
La partenza della regata è avvenuta alle 11:35 con vento proveniente dal secondo quadrante di intensità tra i 15 e i 20 nodi e mare formato. Il percorso, 15,4 nm di lunghezza, si è sviluppato nel golfo della Feniglia. La Line honours è andata ad Italica il My Song 50 di Gianluca Sansoni, in tempo compensato prima posizione per Jolie in IRC mentre Galahad, il Cutter Bermudiano costruito dal cantiere Morgan Giles nei primi anni Sessanta per la Royal Navy di Gerhard Niebauer, primeggia in ORC. Prossimo appuntamento 4 e 5 dicembre.

.   

Immagini della Coastal Race che ha aperto l'Invernale dell'Argentario 2021-22
 

(LIGURIA), VARAZZE, GRANDE AVVIO DELL’INVERNALE DEL PONENTE - Il primo appuntamento della 44 Cup Autumn - 8 novembre, il week end si è aperto sabato con il saluto ai numerosi partecipanti da parte dei Circoli Organizzatori, Varazze CN, CN Celle, LNI Savona e LNI Sestri P. soddisfatti della partecipazione e desiderosi di poter dare nuovamente avvio ad una nuova edizione del Campionato dopo la pausa forzata.

Dopo il benvenuto ai regatanti da parte della Responsabile Commerciale della Marina di Varazze Rachele Limosani, il Presidente del CdR Roberto Goinavi ha approfondito i dettagli tecnici ed a seguire tutti all'aperitivo offerto dal Bar Boma. I 40 equipaggi iscritti di cui 24 nella classe ORC e 16 nella classe Gran Crociera, si sono ritrovati domenica mattina con un meteo che non faceva presagire nulla di buono a causa del forte vento da nord che superava i 30 nodi sul Campo di regata.

Il CdR decideva saggiamente di issare Intelligenza a terra in attesa di un calo di vento. La scelta veniva premiata perché non appena il vento ha dato i primi cedimenti, il CdR era già pronto in attesa delle imbarcazioni che alle 11,30 hanno preso il mare. Alle 12,30 il CdR dava la partenza alla prima flotta e a seguire alla seconda con una bella tramontana tesa tra i 18 e i 20 nodi che ha impegnato gli equipaggi ancora in rodaggio ma che ha dato vita ad una regata tecnica e combattuta in entrambe le flotte. Intorno alle 14 tagliavano il traguardo le prime imbarcazioni.

La classifica in tempo compensato vede quindi al comando nella flotta ORC Farfallina di Luigi Noli dello YC Sanremo seguita da Batanga di Guido Tabellini e Spirit of Nerina di Alessandria Sailing Team entrambi del Varazze Club Nautico. Nella flotta GranCrociera guida la classifica Flu di Daniele Riccardi seguito da Mediterranea di Marco Pierucci del CV Canottieri Domaso e Bilbo di Mario Scolari del Varazze Club Nautico.

I risultati completi sono disponibili su www.racingrulesofsiling.org e sul sito della regata www.invernaleponente.it L'appuntamento è per il 20 e 21 novembre per il secondo week end di regata.

 

GRANDE AVVIO DELL’INVERNALE DEL PONENTE
Il primo appuntamento della 44 Cup Autumn
8 novembre - Il week end si è aperto sabato con il saluto ai numerosi partecipanti da parte dei Circoli Organizzatori, Varazze CN, CN Celle, LNI Savona e LNI Sestri P. soddisfatti della partecipazione e desiderosi di poter dare nuovamente avvio ad una nuova edizione del Campionato dopo la pausa forzata.
Dopo il benvenuto ai regatanti da parte della Responsabile Commerciale della Marina di Varazze Rachele Limosani, il Presidente del CdR Roberto Goinavi ha approfondito i dettagli tecnici ed a seguire tutti all'aperitivo offerto dal Bar Boma.
I 40 equipaggi iscritti di cui 24 nella classe ORC e 16 nella classe Gran Crociera, si sono ritrovati domenica mattina con un meteo che non faceva presagire nulla di buono a causa del 
forte vento da nord che superava i 30 nodi sul Campo di regata.
Il CdR decideva saggiamente di issare Intelligenza a terra in attesa di un calo di vento. La scelta veniva premiata perché non appena il vento ha dato i primi cedimenti, il CdR era già pronto in attesa delle imbarcazioni che alle 11,30 hanno preso il mare. Alle 12,30 il CdR dava la partenza alla prima flotta e a seguire alla seconda con una bella tramontana tesa tra i 18 e i 20 nodi che ha impegnato gli equipaggi ancora in rodaggio ma che ha dato vita ad una regata tecnica e combattuta in entrambe le flotte. Intorno alle 14 tagliavano il traguardo le prime imbarcazioni.
La classifica in tempo compensato vede quindi al comando nella flotta ORC Farfallina di Luigi Noli dello YC Sanremo seguita da Batanga di Guido Tabellini e Spirit of Nerina di Alessandria Sailing Team entrambi del Varazze Club Nautico. Nella flotta GranCrociera guida la classifica Flu di Daniele Riccardi seguito da Mediterranea di Marco Pierucci del CV Canottieri Domaso e Bilbo di Mario Scolari del Varazze Club Nautico.
I risultati completi sono disponibili su www.racingrulesofsiling.org e sul sito della regata www.invernaleponente.it
L'appuntamento è per il 20 e 21 novembre per il secondo week end di regata. 
Coppa America per tirare indietro il sipario
Mentre i dettagli per la 37a America's Cup aspettano di essere rivelati il ??17 novembre, i media STUFF riportano come un aspetto chiave del documento andrà al playbook di altri sport con la programmazione del reality dietro le quinte.
 
La Coppa è stata a lungo una società segreta poiché le squadre hanno custodito gelosamente i loro composti e le loro attrezzature, diffidando della perdita di vantaggi prestazionali, ma un punto chiave del protocollo è la richiesta che le squadre consentano alle troupe cinematografiche di accedere per rivelare i meccanismi interni - e i conflitti - dei sindacati.
 
Il successo della straordinaria serie di Formula 1 "Drive To Survive" che va in onda su Netflix ha incoraggiato l'America's Cup a percorrere questa strada, rendendosi conto di avere un prodotto che può beneficiare di alcuni dei suoi misteri finalmente svelati.
 
"Sta sollevando il coperchio della Coppa, metterà le troupe cinematografiche negli edifici e in luoghi in cui non sono mai stati prima", ha detto a Stuff il CEO del Team New Zealand Grant Dalton. "Drive to Survive è stato un enorme successo e probabilmente ogni sport del pianeta vuole fare qualcosa di simile, ma non molti hanno un ambiente come il nostro".
 
C'è ancora un po' da concordare prima del 17 novembre, ma Dalton ha detto che entrambe le parti si aspettano di rispettare la scadenza. Ecco cosa sappiamo:
 
• Il monoscafo foiling AC75 sarà utilizzato di nuovo, anche se è probabile che alcune modifiche alla regola della classe migliorino le prestazioni in condizioni di vento leggero e riducano i costi.
 
• In questo ciclo può essere costruita una sola barca, mettendo a dura prova i progettisti.
 
• Sarà un evento multi-sfidante, non la gara uno contro uno Deed of Gift che è stata ipotizzata.
 
• L'evento includerà regate di Coppa America femminile e giovanile.
 
• Questi saranno regatati in monoscafi foiling da 40 piedi che i team possono utilizzare anche per i test.
 
• Le squadre dovranno utilizzare barche da inseguimento foil alimentate a idrogeno, con il prototipo del Team New Zealand attualmente in costruzione, poiché la Coppa sembra diventare più ecologica.
 
• La regola della nazionalità è stata seriamente rafforzata: il 100% dell'equipaggio di regata deve essere titolare di passaporto del paese dello yacht club della squadra al 19 marzo 2021, o essere stato fisicamente presente in quel paese (o, agendo per conto di tale yacht club ad Auckland, sede degli eventi AC36) per due dei tre anni precedenti prima del 18 marzo 2021.
 
• Sarà consentita una quota di stranieri sugli equipaggi di gara per i concorrenti provenienti da “nazioni emergenti”
GRANDE AVVIO DELL’INVERNALE DEL PONENTE
Il primo appuntamento della 44 Cup Autumn
8 novembre - Il week end si è aperto sabato con il saluto ai numerosi partecipanti da parte dei Circoli Organizzatori, Varazze CN, CN Celle, LNI Savona e LNI Sestri P. soddisfatti della partecipazione e desiderosi di poter dare nuovamente avvio ad una nuova edizione del Campionato dopo la pausa forzata.
Dopo il benvenuto ai regatanti da parte della Responsabile Commerciale della Marina di Varazze Rachele Limosani, il Presidente del CdR Roberto Goinavi ha approfondito i dettagli tecnici ed a seguire tutti all'aperitivo offerto dal Bar Boma.
I 40 equipaggi iscritti di cui 24 nella classe ORC e 16 nella classe Gran Crociera, si sono ritrovati domenica mattina con un meteo che non faceva presagire nulla di buono a causa del 
forte vento da nord che superava i 30 nodi sul Campo di regata.
Il CdR decideva saggiamente di issare Intelligenza a terra in attesa di un calo di vento. La scelta veniva premiata perché non appena il vento ha dato i primi cedimenti, il CdR era già pronto in attesa delle imbarcazioni che alle 11,30 hanno preso il mare. Alle 12,30 il CdR dava la partenza alla prima flotta e a seguire alla seconda con una bella tramontana tesa tra i 18 e i 20 nodi che ha impegnato gli equipaggi ancora in rodaggio ma che ha dato vita ad una regata tecnica e combattuta in entrambe le flotte. Intorno alle 14 tagliavano il traguardo le prime imbarcazioni.
La classifica in tempo compensato vede quindi al comando nella flotta ORC Farfallina di Luigi Noli dello YC Sanremo seguita da Batanga di Guido Tabellini e Spirit of Nerina di Alessandria Sailing Team entrambi del Varazze Club Nautico. Nella flotta GranCrociera guida la classifica Flu di Daniele Riccardi seguito da Mediterranea di Marco Pierucci del CV Canottieri Domaso e Bilbo di Mario Scolari del Varazze Club Nautico.
I risultati completi sono disponibili su www.racingrulesofsiling.org e sul sito della regata www.invernaleponente.it
L'appuntamento è per il 20 e 21 novembre per il secondo week end di regata. 

(CAMPANIA) I 50 ANNI DELL'INVERNALE DI NAPOLI - L’Invernale di Napoli compie cinquant’anni: start domenica 7 novembre. Previste 9 giornate di regate da novembre a marzo, coinvolti i circoli partenopei - Nove appuntamenti da novembre a marzo compongono il calendario del Campionato Invernale di vela del golfo di Napoli 2021-22, che taglia il traguardo della cinquantesima edizione. Lo fa dopo una lunga attesa: interrotto nel marzo 2020 causa pandemia, lo scorso anno l’Invernale non s’è disputato ma oggi lancia un importante segnale di ripresa, offrendo a velisti e appassionati nove giornate di regate nel golfo partenopeo. 

Si parte domenica 7 novembre con la Coppa Arturo Pacifico, che si concluderà una settimana dopo. Domenica 28 novembre spazio alla Coppa Giuseppina Aloj, mentre il 12 dicembre torna il Trofeo Gaetano Martinelli. Trofei di grande tradizione, come la Coppa Ralph Camardella del 23 gennaio e il Trofeo Città Torre del Greco del 6 febbraio. Il 20 febbraio si prosegue con le regate che assegnano il Trofeo Lega Navale Italiana e il Trofeo Serapide. Chiusura il weekend 5-6 marzo: in palio il Trofeo del Campionato e la Coppa Francesco de Pinedo. 

Al termine delle singole prove, i migliori classificati risulteranno vincitori del “Cinquantesimo” nelle classi Orc, Minialtura e Gran Crociera. L’Invernale è organizzato dai circoli napoletani: Circolo Remo e Vela Italia, Reale Yacht Club Canottieri Savoia, Club Nautico della Vela, Circolo Canottieri Napoli, Circolo Nautico Posillipo, Sezione Velica Accademia Aeronautica, Circolo Nautico Torre Del Greco, Lega Navale Italiana di Napoli, Lega Navale Italiana di Pozzuoli, Sezione Velica Marina Militare. 

Il numero uno del Comitato Organizzatore è il capitano di vascello Benedetto Esposito, che presiede il Centro Velico d’Altura di Napoli. Il vicepresidente è il massimo dirigente del Cn Torre del Greco, Gianluigi Ascione, che auspica “un Invernale ricco di regate e un pieno ritorno alla normalità. Applicheremo con rigore tutti i protocolli anti Covid, con la speranza che questo Cinquantesimo possa rappresentare al tempo stesso un punto d’arrivo e di ripartenza per la vela e tutto lo sport napoletano”. 

www.campinvernonapoli.it

Napoli - Ph. Antonella Panella

 

(LAZIO) RIVA DI TRAIANO, LO SCIROCCO BATTEZZA L'ESORDIO DELL'INVERNALE - Un bellissimo scirocco tra i 14 e i 16 nodi consente due avvincenti prove nella prima giornata dell'Invernale di Riva di Traiano Trofeo Città di Civitavecchia. Disputata anche la Coastal Race verso Capo Linaro 

Riva di Traiano, 1° novembre 2021 - Si è aperto domenica 31 ottobre l'Invernale di Riva di Traiano Trofeo Città di Civitavecchia, campionato d'altura che si presenta, come ogni anno, di altissimo livello. In acqua la sola classe Crociera e la Coastal Race, in quanto molte barche iscritte all'invernale o sono state impegnate nella Rolex Middle Sea Race o nella regata conclusiva della Coppa Italia d'Altura in acqua nelle stesse ore a Napoli. 

"E' stata una giornata veramente soddisfacente, direi bellissima - commenta il Direttore del Comitato di Regata Fabio Barrasso - con un vento di scirocco tra i 14 e i 16 nodi ed un'onda che, seppur in crescita nel corso delle regate, non ha mai dato fastidi al procedere delle barche. Due le prove disputate per i Crociera, la prima di un giro e la seconda di due giri, mentre le imbarcazioni iscritte nella Coastal Race hanno regatato verso Capo Linaro e ritorno per un totale di circa 10 miglia".

A spuntarla alla fine è stata Soul Seeker, X362 Sport di Federico Galdi, con due primi posti, seguita da Malandrina, First 36.7 di Roberto Padua (2-2) e da First Wave, First 405 di Guido Mancini (4-3) a pari merito con Randagia, First 31.7 di Francesco Borghi (3-4).
Nella Coastal Race la classifica in IRC ha visto la vittoria di Fahrenheit, Comet 38S di Giuseppe Massoni, seguito da Fair Lady Blu, Comfortina 42 di Oscar Campagnola, e da Cau, Comet 41S di Ugo Garribba. In ORC in testa sempre Fahrenheit, seguito da Cau e da Sir Biss, Sydney 39 di Giuliano Perego. 
L'appuntamento è fissato per il week-end del 13/14 novembre, quando inizieranno il loro Campionato i Regata, con due intense giornate. Saranno in acqua sabato 13 per la giornata di recupero ed il 14 per la seconda giornata del Campionato Invernale insieme ai Crociera ed alla Coastal Race. 

Riva di Traiano - ph. Marina Ferrieri 

 

(LAZIO) OTTIMO AVVIO ALL'INVERNALE DEL CIRCEO - Ha preso il via Domenica 31 Ottobre la I Manche del Campionato Invernale del Circeo, or-ganizzato dal Circeo Yacht Vela Club con la collaborazione della Cooperativa Circeo Pri-mo, del Comune e del Locale Ufficio Marittimo di San Felice Circeo

31 ottobre - Una bellissima giornata con vento sostenuto da est ha permesso agli organizzatori di por-tare a termine le prime due prove in programma, come da tradizione il campo di Regata posizionato nella splendida cornice di fronte il Lungomare del Circeo tra Torre Olevola e Torre Vittoria ha permesso a numerosi spettatori di assistere alle partenze e agli arrivi.Guida la classifica generale in classe regata dopo due ottimi primi posti Cavallo Pazzo II, l’X 35 di Enrico Danielli con al timone Giovanni Segnini, seguito da Vahine’ 7 il First 45 di Francesco Raponi, terzo Frinky l’ Hanse 375 di Francesco Frinchillucci.

Nel raggruppamento Crociera in testa dopo due prove Marlin il Dufour 34 degli armatori Magliozzi Tartaglione, secondo Nano Matto il Bavaria 34 della Famiglia Carpitelli, terzo Ninã il Sun Odyssey 45 di Roberto Signorotto.

Nel corso del briefing pre regata il Presidente del sodalizio Pontino Dott. Franco Borsò ha presentato a tutti gli intervenuti gli sponsor della manifestazione: Gusto & Tradizione, My-winestore, DieciDiciotto Studio, Evolution Sail, Sail2Sail Charter Broker, inoltre ha illustrato il programma invernale delle attività didattiche con in calendario Corsi di Navigazione, Corsi sulla Sicurezza in Mare, Corsi di Meteorologia e numerosi seminari su tematiche ambientali.

Prossimo appuntamento con le regate al Circeo Domenica 14 Novembre.

www.cyvc.it

(LAZIO) FIUMICINO, AVVIO COL VENTO IN POPPA - Campionato Invernale d'altura: 70 barche al via suddivise nelle categorie Vele Bianche, Crociera e Regata: domenica la seconda giornata

Sul litorale romano è ripartito con il vento in poppa il Campionato Invernale d’altura di Roma – Trofeo Città di Fiumicino, organizzato dal Circolo Velico di Fiumicino sotto l’egida della Federazione Italiana Vela e dell’UVAI Unione Vela d’altura italiana.

La manifestazione velica, che quest’anno festeggia la sua 41ma edizione, torna domenica a colorare il litorale per la seconda giornata di regate con condizioni meteo che si preannunciano ottimali (vento da nord est intorno ai 10 nodi). In acqua quasi 70 imbarcazioni suddivise in diverse categorie, in modo da soddisfare le aspettative degli equipaggi alle prime esperienze, che colgono l’occasione della regata per perfezionare le proprie abilità marinaresche, e i team più agguerriti che puntano a tagliare per primi il traguardo in ogni competizione.

Anche sulla tipologia delle barche in acqua, ce n’è davvero per tutti i gusti: si va dai piccoli scavi di 9 metri, con equipaggi familiari che hanno il piacere di navigare per stare insieme, magari a sole “vele bianche” (senza la più impegnativa vela di prua spinnaker o gennaker), alle imbarcazioni più tecnologiche, con vele in tessuti all’avanguardia, equipaggi composti da velisti che fanno di questo sport la loro ragione di vita.

Stili sportivi differenti che emergono anche nelle suddivisioni della flotta ai fini della classifica.
Nell’ordine d’arrivo con il sistema di compensi “ORC”, è l’imbarcazione Nor 37, denominata Nautilus 41.12, dell’imprenditore Pino Stillitano, ad avere la meglio sul Blu Wale “Kalima”, del presidente del Circolo Velico di Fiumicino, Franco Quadrana. Terzo posto per Elan 40 “Felgiva” di Carlo Di Carlo. Fra le più piccole è invece Pino Raselli con il suo X332 “Sly fox” ad aggiudicarsi la vittoria della prima prova di campionato nella categoria Regata 2 ORC (ha vinto anche in IRC fra i Crociera 1), seguito da M’Art, il Vorlijk 37 nuovo acquisto dell’armatore Edoardo Lepre. Terzo gradino del podio per Federico Ceccacci che, con il suo First 35 “Jolie Brise” chiude il podio nella classe Regata 2 ORC, vincendo però la classifica nel sistema a compensi IRC, davanti a Felgiva e al Bavaria 36 “Gastone” di Sandro Spallotta.

Nella classe Crociera, sia nella classifica ORC che IRC, la vittoria della prima giornata è andata al Sun Fast 32 “Panta Rei” di Giovanni Carusio, mentre il Sun  Odyssey 37 “Zucchero e Cannella” di Enzo Cittadini si è aggiudicato il terzo posto in Crociera ORC e il primo fra la classe Crociera II in IRC.

Sicuramente la categoria meno competitiva, per gli amanti del mare e per chi vede nella partecipazione al Campionato Invernale l’occasione per fare esperienza, sono gli equipaggi che regatano nella categoria Vele Bianche con l’equipaggio di Sante Blasi su Marose II in prima posizione, seguito da Mercuzio, il Comet 12 di Gianluca Gullotta. In terza posizione My Lele della coppia Nobile/Pettirossi.

“Abbiamo ripreso la stagione nel migliore dei modi – commenta il direttore sportivo del circolo organizzatore, Massimo Pettirossi – e vediamo che c’è un grande entusiasmo nell’affrontare la stagione invernale. Ci aspettano otto giornate di regate da qui a inizio marzo e contiamo di far divertire gli oltre 500 appassionati che anche quest’anno hanno deciso di partecipare al Campionato invernale d’altura”.

www.cvfiumicino.org

Sezione ANSA: 
Saily - News

Commenti