SEGUICI ANCHE SU

News | Regata > International

21/06/2017 - 18:48

Non mollare mai

Para World Sailing
Orgoglio paralimpico

La Vela Paralimpica prova a rialzare la testa: 39 nazioni al Mondiale a Kiel (GER), sperando nel ripescaggio paralimpico del CIO per i Giochi del 2024. Nei 2.4 Antonio Squizzato della Canottieri Garda Salò, sull'Hansa 303 Gian Bachisio Pira (ASD Vediamoci) e Fabrizio Solazzo (CC Roggero di Lauria). I tecnici federali sono Filippo Maretti e Beppe Devoti - VIDEO

 

I giorni dell'orgoglio Paralimpico per la vela: Para World Sailing nel "santuario" velico di Kiel. Era attesa una risposta del mondo velico, dopo l'estromissione dalle Paralimpiadi di Tokyo 2020. Il responsabile della vela paralimpica mondiale è l'italiano Massimo Dighe, sta conducendo una battaglia sportiva importante e questa è la prima tappa chiave: necessario incrementare le nazioni partecipanti. Il primo risultato è positivo: al via a Kiel per PSW sfiora le 40 nazioni partecipanti, ben più del minimo previsto dal CIO (32 nazioni da 3 continenti). Un bel messaggio della vela: ci siamo anche noi e vogliamo tornare alle Paralimpiadi!

A Kiel c'è anche la vela paralimpica azzurra. Protagonista negli ultimi 6-8 anni di una rimonta notevole in termini numerici e di risultati, siamo partiti quasi da zero, anche culturalmente, e a Rio abbiamo sfiorato una medaglia con lo Skud 18, adesso inizia una nuova fase, le classi di questo Mondiale sono solo Hansa 303 (maschile e femminile) e 2.4 mR, e ci presentiamo con tre equipaggi, tra i quali l'esperto Antonio Squizzato, un altro con due Paralimpiadi alle spalle in due classi, e ormai tra i più longevi sul "mini 12". Anche lo staff tecnico con Beppe Devoti e Filippo Maretti è una garanzia di continuità.

Nei prossimi giorni vi racconteremo come vanno le regate, analizzeremo all'opera il "nuovo" Hansa 303, e vi aggiorneremo anche con foto e video. Questo Mondiale Paralimpico è anche una sorta di primo giorno di scuola per il nuovo ufficio stampa FIV, da poco insediato. Buon lavoro a tutti, forza vela paralimpica e forza azzurri!

(Federvela) Si va in acqua oggi per il Campionato del Mondo Vela Paralimpica a Kiel, in Germania, con oltre 80 atleti da 39 nazioni che regateranno nelle 3 diverse classi.

Medaglie paralimpiche, campioni del mondo, velisti d’altura con otto nuove bandiere nella entry list, si affronteranno nelle classi Open 2.4 OD e Hansa 303 – maschile e femminile -  all’interno della famosa Kieler Woche, un vero e proprio festival della vela.

Oggi alle 12 il via e domenica 25 giugno la chiusura con 10 prove in programma per ogni flotta. A salutare gli atleti alla Cerimonia di Apertura, il Presidente di World Sailing, Kim Andersen, che ha detto: “Quest’anno la Kieler Woche è molto importante per World Sailing anche perché si disputa al suo interno il Campionato del Mondo di Vela Paralimpica. Il Para Worlds, è di estrema importanza per World Sailing perché dobbiamo dimostrare alla Commissione Paralimpica Internazionale l’atteggiamento positivo e i passi avanti che stiamo facendo, da che hanno deciso di togliere la Vela dai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. Fa piacere constatare che ci siano ben 39 nazioni presenti e molti nuovi atleti.”

Molti campioni della vela paralimpica si contendono il titolo nella classe 2.4 Norlin OD, una classe aperta ad uomini e donne con disabilità minori, tra i 45 iscritti. Tra questi il due volte medaglia d’oro e tre volte campione del mondo di classe, Damien Seguin (FRA), la medaglia d’argento a Rio 2016, Matt Bugg (AUS) e il locale Heiko Kroger (GER), già medaglia d’oro a Sydney nel 2000.

A rappresentare la FIV in questa classe c’è Antonio Squizzato della Canottieri Garda Salò, mentre i convocati federali negli Hansa 303 sono Gianbachisio Pira (ASD Vediamoci) e Fabrizio Solazzo (CC Roggero di Lauria), accompagnati dai tecnici federali Filippo Maretti e Giuseppe Devoti.

Commenti