SEGUICI ANCHE SU

News | Regata > Coppa America

28/09/2017 - 23:03

Tutte le novità, le barche, il formato

Coppa America 36: il Protocollo

Emirates Team New Zealand (il defender) e Luna Rossa (il challenger of the record) annunciano in diretta facebook il nuovo Protocollo della prossima America's Cup. Ecco tutte le novità su barche, scadenze, regole, formato delle regate. Si correrà con un monoscafo performante AC75 con 10-12 persone di equipaggio. Luna Rossa riapre la base a Cagliari - RIVEDI LA DIRETTA - LEGGI IL PROTOCOLLO

 

Nasce ad Auckland la nuova Coppa America 36, alla presenza di defender e primo sfidante. Qui la diretta Facebook, da rivedere in replay. Max Sirena annuncia: "Luna Rossa torna a Cagliari, vogliamo tornare a finire il lavoro. La città ci ha accolto benissimo e le condizioni sono meravigliose". Le nuove barche saranno monoscafi di 75 piedi (AC75 è il nome della nuova classe, le cui regole saranno ufficiali a marzo 2018 (ma già a novembre 2017 ci saranno delle anticipazioni).

RIVEDI LA PRESENTAZIONE IN DIRETTA DA AUCKLAND

 

QUI IL PROTOCOLLO UFFICIALE DELLA XXXVI AMERICA'S CUP

 

IL COMUNICATO CONGIUNTO DI EMIRATES TEAM NEW ZEALAND E LUNA ROSSA - Auckland (Nuova Zelanda), 29 settembre 2017 – A seguito della vittoria di Emirates Team New Zealand nella Coppa America a Bermuda e dopo un periodo di approfondite e amichevoli negoziazioni tra il Defender e il Challenger of Record – Circolo della Vela Sicilia -, il Protocollo della 36^ America’s Cup è stato reso pubblico oggi nella sede del Royal New Zealand Yacht Squadron. 

Questo Protocollo intende riportare l’ America’s Cup ai valori originali del Deed of Gift (“challenge perpetuo per una competizione amichevole tra nazioni”) e ha inoltre lo scopo di porre l’America’s Cup all’avanguardia della tecnologia, di ispirare tutti gli appassionati di sport e di essere un elemento di coesione per la comunità velica a livello mondiale.

 

PROTOCOLLO DELLA 36^ AMERICA’S CUP: PUNTI CHIAVE

Premessa:

Il Protocollo, basato sul Deed of Gift che governa l’America’s Cup, sancisce le regole concordate tra il Defender - Royal New Zealand Yacht Squadron - e il Challenger of Record - Circolo della Vela Sicilia - e pone le basi per un Evento a più sfidanti.

Questo documento sintetizza i punti chiave del Protocollo e la struttura della 36^ America’s Cup.

1) LA CLASSE AC75

  • Le imbarcazioni saranno monoscafi di 75’ ad alte prestazioni e saranno definite dalla Regola di Classe AC75;

  • La Regola di Classe AC75 sarà pubblicata il 31 Marzo 2018;

  • Un primo schema della Classe sarà pubblicato il 30 novembre 2017;

  • L’Appendice 1 del Protocollo sintetizza gli obiettivi che la Regola di Classe AC75 si

    propone di conseguire:

    • Imbarcazioni adatte alle regate di match racing e alla competizione ravvicinata;

    • Promuovere il progresso e lo sviluppo tecnologico per consentire all’America’s Cup di continuare a essere il punto di riferimento della progettazione velica e il più importante evento velico a livello mondiale;

    • Assicurare che la classe sia appropriata per lo sviluppo delle competizioni veliche e crei un legame con la comunità dei velisti;

    • Imbarcazione impegnativa, che premi e metta in risalto l’abilità dell’equipaggio;

    • Competitività ad alto livello in un ampio spettro di condizioni di vento;

    • Comportare una posizione sicura per l’ospite a bordo;

    • Includere requisiti pratici per varo, alaggio e trasporto;

    • Prevedere un equipaggio di 10-12 velisti.

      Costruzione dell’imbarcazione

  • Obbligo di costruzione dell’imbarcazione nel paese dello Yacht Club sfidante in quanto principio fondamentale del Deed of Gift. Questo Protocollo riprende la regola - già presente in quasi tutte le precedenti edizioni dell’America’s Cup - secondo la quale la laminazione dello scafo doveva essere effettuata nel paese dello sfidante;

  • Tutti gli altri componenti dell’imbarcazione - inclusi alberi, coperta, appendici e attrezzatura - possono essere prodotti in qualsiasi paese.

  • Ogni concorrente è autorizzato a costruire un massimo di due barche.

Date del varo

  • Prima barca: dopo il 31 marzo 2019;

  • Seconda barca: dopo il 1° febbraio 2020;

  • Proibizione di navigare con le due imbarcazioni contemporaneamente, fatto salvo

    per il Defender che avrà la facoltà di navigare con entrambe le sue imbarcazioni

    dopo l’inizio delle Regate di Selezione dei Challenger;

  • Proibizione di navigare appaiati con gli altri Challenger, salvo che nelle regate o

    sessioni di allenamento ufficiali;

  • Agli sfidanti non è consentito navigare appaiati tra loro salvo durante le regate

    ufficiali o le regate di prova riconosciute

    2) NAZIONALITA’

Durante le regate, tutti i membri dell’equipaggio devono rispettare la regola di nazionalità che prevede:

  • Durante le regate un minimo del 20% - o 3 velisti - del totale dell’equipaggio devono essere cittadini del paese dello Yacht Club sfidante. Il resto dell’equipaggio deve rispettare la regola di Residenza nel Paese.

  • Residenza nel Paese: i membri dell’equipaggio dovranno dimostrare di essere stati effettivamente presenti nel paese dello Yacht Club sfidante per un minimo di 380 giorni nei due anni inclusi tra il 1 settembre 2018 al 31 agosto 2020 (poco più di sei mesi ogni anno).

  • Questa regola lascia comunque un’ampia libertà di impiegare velisti internazionali di altri paesi: richiede solo l’impegno da parte loro di vivere nel paese dello yacht club sfidante durante il periodo indicato;

  • Da notare che la regola di nazionalità si applica unicamente all’equipaggio a bordo durante le regate ufficiali e non agli altri membri del team, inclusi i progettisti;

  • Costituisce anche un incoraggiamento per far crescere i talenti del proprio paese.

3) LUOGO

  • E’ previsto che il Match e le Challenger Selection Series si svolgeranno ad Auckland, in Nuova Zelanda nel marzo 2021

  • Il campo di regata del Match dell’America’s Cup e delle Challenger Selection Series saranno annunciati al più tardi il 30 agosto 2018

  • L’intenzione è di rendere il campo di regata facilmente accessibile al pubblico sia da terra che in mare e anche tramite le nuove tecnologie media

  • Se possibile l’annuncio verrà dato prima della data sopra indicata; questo dipenderà dalla finalizzazione degli accordi con la città ospitante

  • Nell’improbabile eventualità che Auckland/Nuova Zelanda non siano in grado di ospitare la Coppa, questa - come previsto dal Protocollo – si disputerà in Italia

    4) GLI EVENTI

  • Le date delle Challenger Selection Series e dell’America’s Cup Match saranno annunciate entro il 30 agosto 2018

  • Le Challenger Selection Series saranno organizzate dal Challenger of Record

  • L’America’s Cup Match sarà organizzato dal Defender

  • Mentre i diritti commerciali e media sono di pertinenza di ognuno degli

    organizzatori, entrambi collaboreranno relativamente a un certo numero di aspetti, come ad esempio le sponsorizzazioni e i diritti televisivi della 36^ America’s Cup, intesa nel suo insieme

  • Questo formato consente di ritornare alla tradizione della Coppa secondo cui gli sfidanti lavorano insieme per selezionare il team che abbia le più alte possibilità di successo nel Match finale contro il Defender

  • Il Defender non parteciperà alle Challenger Selection Series

    Regate preliminari

  • E’ previsto che si svolgano con le imbarcazioni AC75

  • America’s Cup World Series: - Due eventi nella seconda metà del 2019

    - Tre eventi nel 2020

  • America’s Cup Christmas Race: 10 -20 dicembre 2020, verrà organizzata nella

    località del Match con tutti i partecipanti incluso il Defender

  • Challenger Selection Series: TBC 2021

  • America’s Cup Match: TBC 2021

  • Tutti i team devono partecipare a tutti gli eventi per poter partecipare alle

    Challenger Selection Series e al Match dell’America’s Cup

  • I risultati aggregati delle regate preliminari determineranno le teste di serie del

tabellone delle Challenger Selection Series

5) GLI SFIDANTI

Affinché una sfida venga accettata, uno Yacht Club deve rispettare i seguenti criteri fondamentali stabiliti dal Deed of Gift: essere in attività da almeno cinque anni, organizzare una regata annuale, avere un minimo di 200 soci, essere sostenuto finanziariamente principalmente dalle quote associative, avere lo yachting come propria attività di riferimento ed essere membro della Federazione Velica Nazionale del proprio paese.

Iscrizioni:

  • Aperura: 1 gennaio 2018

  • Chiusura: 30 giugno 2018

  • Ulteriori iscrizioni saranno accettate fino al 31 dicembre 2018 (tassa d’iscrizione

Tasse

addizionale) di iscrizione:

  • 1 milione USD al momento dell’accettazione della sfida + 1 milione USD da pagare non più tardi del 30 novembre 2018. La seconda tranche può essere pagata in 4 rate.

  • Iscrizioni tardive: 1 milione USD di penale

  • Performance Bond: 1 milione USD

  • America’s Cup World Series: 300,00 USD per ogni evento

  • AC Christmas Regatta: nessuna tassa di iscrizione

    6) RACE MANAGEMENT

• • • •

Verrà nominato un Direttore di Regata indipendente che avrà la responsabilità di gestire le Regate Preliminari, le Selection Series e l’America’s Cup Match

Un Comitato di Stazza indipendente assicurerà il rispetto della regola di classe della 36^ AC
La Giuria di Regata e gli Umpire avranno la responsabilità di giudiucare tutte le questioni relative alle regate.

Un Arbitration Panel composto da tre membri giudicherà le dispute commerciali e relative al Protocollo. La sua composizione sarà annunciata a seguito della sua nomina

Crediamo nella completa trasparenza delle dispute, siano esse in mare o a terra, al fine di mantenere l’integrità e il valore sportivo dell’evento e della sua gestione

7) PERCORSO E FORMATO DELLE REGATE

  • Per il Match e le Challenger Selection Series il persorso sarà “a bastone” bolina- poppa, con partenza di bolina al fine di assicurare le fasi di pre-partenza tipiche del match racing;

  • Lo yacht che avrà ottenuto per primo sette vittorie nel Match sarà il vincitore della XXXVI America’s Cup

  • Il Challenger of Record è responsabile dell’organizzazione delle Challenger Selection Series; queste che saranno organizzate con un tabellone a eliminazione diretta “tipo torneo” con repêchage, le cui teste di serie saranno definite dai risultati aggregati delle Regate Preliminari (scorporate dal risultato del Defender). In ogni scontro diretto il vincitore sarà lo yacht che avrà per primo vinto cinque regate, salvo per la finale in cui il vincitore sarà lo yacht che ha ottenuto per primo sette vittorie.

  • Il Challenger of Record avrà la facoltà di modificare il numero delle regate in ogni fase delle Challenger Selection Series in base al numero delle imbarcazioni.

    8) CONTENIMENTO DEI COSTI

  • La continua ricerca del contenimento dei costi è sempre stato uno dei nostri obiettivi primari

  • Questo Protocollo ha tenuto il più possibile in considerazione il contenimento dei costi includendo:

    • Un massimo di due scafi per ciascun team partecipante dei quali uno solo può essere modificato non oltre il 25%,

    • Inclusione di alcune componenti one-design e/o elementi standard prodotti da un unico fornitore

    • Restrizioni sui materiali e le tecniche di costruzione

    • Proibizione delle prove in vasca navale, dei test in galleria del vento e di

      simili dispositivi fluidodinamici

    • Divieto di raccogliere informazioni meteorologiche al di fuori del

      programma comune che sarà disponibile per tutti i team e delle informazioni pubbliche facilmente reperibili

9) PRADA CUP

• •

Il Gruppo Prada ha acquisito i diritti esclusivi di “Title e Naming Sponsor” per le regate Preliminari e le Challenger Selection Series nonché i diritti di “Presenting Sponsor” della 36^ America’s Cup
La 36^ America’s Cup sarà denominata “The XXXVI America’s Cup presented by Prada”

Le Challenger Selection Series saranno ufficialmente denominate di PRADA CUP.

Documento senza valore regolamentare, destinato unicamente a evidenziare alcuni punti essenziali del Protocollo della XXXVI America’s Cup. 

Commenti

Muuro Orlandini (non verificato)

Era ora, speriamo che tutto ciò si realizzi, la vela Italiana, ha bisogno di sognare

Giuseppe (non verificato)

Finalmente si vede la vera coppa America era ora Adesso sì che faremo le notti bianche speriamo che sarà visibile in chiaro Giuseppe

Adriatico Jack (non verificato)

....la Coppa è ridiventata un grande evento della vela...e non un uno show sull'acqua...