SEGUICI ANCHE SU

News | Regata > International

11/09/2017 - 18:16

Duelli inattesi con il vento leggerissimo

Centomiglia in volata
Ecco tutti i vincitori

Ac&e Sicurplanet vince la 67° Centomiglia dopo un lunghissimo duello contro il monoscafo Clandesteam con l’olimpica Giulia Conti al timone e primo dei monocarena. Terzo l’ungherese The Red-QUANTUM altro X 40

 

IN ARRIVO SU SAILY TV IL VIDEO DELLA CENTOMIGLIA

Il poco vento che ha caratterizzato questa edizione della Centomiglia ha fatto attendere poco meno di undici ore per vedere il multiscafo Ac&eSicurplanet primo alla linea di arrivo e poco meno di ventuno ore per l’arrivo di Nauticus che ha sancito la fine della regata. Grande prova di Giulia Conti, seconda assoluta e prima nei monocarena del Trofeo Giacomo Garioni.

Sono le 19:13 quando il multiscafo Ac&eSicurplanet(CN Brenzone) dei veneti Andrea Farina e Luca Modena taglia la linea d’arrivo della 67a Centomiglia. Passano 7 minuti e arriva Clandesteam(CV Gargnano) con l’olimpica Giulia Conti al timone e primo dei monocarena. Dalla terza alla sesta posizione assoluta ancora dei catamarani: The Red-QUANTUM diMiklosRauschenberger (YC Cor) seguito a pochi minuti da Itelligence (SachHelge), Mira Hotels &Resort (Pilati/Supersail Academy, Fraglia ), dagli ungheresi di Extreme Sailing Team con Federica Salvà alla tattica.

Settimi assoluti sono gli ungheresi di Raffica (Kiraly Zsolt), secondo dei monocarena, che taglia 31 minuti dopo Clandesteam. Continuando con gli arrivi in tempo reale ottavo è TIXWAVE (Vananty Bernard, SNGinevra), nono ma terzo dei monocarena Bandalarga (Piero Refraschini, Topvela Laveno) seguito da ColdDucktimonato dall’olimpico Nico Delle Karth. Passano circa quaranta minuti per vedere sul traguardo Caipirinha seguito da Black Arrow.

Passata la mezzanotte le barche continuano a risalire la parte bassa del Lago verso Bogliaco e si susseguono gli arrivi fino alle 5:22 quando l’arrivo di Nauticus (Gianfranco Busana, CUS Trento) sancisce la fine della 67a Centomiglia.

La classifica classe per classe: TR sopra i 10mt, i Libera vede come vincitore Clandesteam (CV Gargnano) con l’olimpica Giulia Conti al timone, secondo assoluto e primo dei monocarena. Secondi e settimi assoluti sono gli ungheresi di Raffica (Kiraly Zsolt). Nei Multiscafi 20-28 piedi primi gli svizzeri di TIXWAVE (Vananty Bernard, SNGinevra); I Multiscafi sopra i 28 piedi scrivono la classifica del vincitore assoluto della Centomiglia: Ac&eSicurplanet (CN Brenzone) dei veneti Andrea Farina e Luca Modena, secondo The Red-QUANTUM diMiklos Rauschenberger (YC Cor), terzo Itelligence (SachHelge).

Nei Platu' 25 primo è Gallo Cedrone (Luca Nacci, LNI Mandello) che ha condotto la classifica di categoria solo dopo la boa di Desenzano dove è passato con un vantaggio di pochissimi secondi su Pirillina che ha cocluso terzo; Secondo è Ariel (Damiano Desirè, Il Port) e terzo Pirillina (Claudio Fasoli, LNI Man). Primo degli ASSO 99, sedicesimo assoluto, è Albino Fravezzi/Go Sail Go Sail su Satanasso (CN Brenzone)che ha dovuto vedersela ai vari passaggi di boa con Michelass di Francesca Ferrari (VC Campione) che è stata sempre in testa alla classifica degli Asso concludendo seconda a soli 5 minuti da Fravezzi e con Assatanato-Vetrocar di Ivano Brighenti/Lake Garda Academy (Acquafresca Brenzone)che ha mantenuto la seconda posizione fino alla boa di Desenzano.

Nei Dolphin 81 la classifica è di Merak di Marcello Colosio (Sezione Velica Marina Militare di La Spezia) che per tutto il percorso del Lago ha mantenuto la leadership di classe sguito da 30 nodi di Davide Ballarini (Fraglia Desenzano) e da Twister Sterilgarda di Samuel Naldi/Flavio Bocchio (FVDesenzano). Spirito Libero di Claudio Bazzoli (Cv Gargnano) ha dominato la classifica dei Protagonist dopo aver recuperato preziosi minuti alla boa di Desenzano, secondo è Tremendo di Fausto Gandolfi (YCBG) e L’ombra del Vento di Luciano Galloni (CvGargnano).

Giovanni Farina su GIO' (Cv Toscolano) domina la classifica degli UFO 22 dopo un continuo match race con Chimir de Mer di Paolo Santi (VCCampione) che taglia secondo l’arrivo di Bogliaco. La classifica dei Melges 32 è di Caipirinha di Martin Reintjes (Fraglia Desenzano), che arriva a Bogliaco undicesimo assoluto, seguito da O&Y di Luca Nassini (CVGargnano) e Big Bang di Andrea Marelli/Arturo Mazzanti (CN Andorra).

Bandalarga di Piero Refraschini (Top Vela di Laveno) conclude la sua Centomiglia in nona posizione assoluta e vince sia in tempo reale che in tempo compensato la classifica degli ORC HI-TECH seguito dagli svizzeri di Cold Duck (un Q 30) timonato dall’olimpico Nico Delle Karth (UYCWG) dai tedeschi di Renè di Martin Schedo e AchinSalcher. Negli ORC B sotto gli 8mt la classifica in tempo reale vede primo Atreju di Andreas Zipperle (FVMalcesine) seguito da StillCrazy del tedesco Michael Kramer (SEGLER) e da Jotto domini veneti di Cristian De Grandis (YC Verona). La classifica in tempo compensato vede sempre primo Atreju, secondo Jotto Domini Veneti e terzo StillCrazy.

Negli ORC A sopra gli 8mt CDL Black Arrow di Walter Caldonazzi (Fraglia Riva) taglia l’arrivo dodicesimo assoluto e primo di categoria. La classifica in tempo compensato ORC A vede la vittoria dell’austriaco Andreas Spiegel (Bregenz lago di Costanza) su Lisbeth (un Froeken 33 in legno), seconda è Black Nessi degli svizzeri Pascal Marty/Heinz Marty (RVB). Terzo Black Arrow. Gonfi Gonfi di Luigi Rigatti/Claudio Pinter (LNI Riva) dopo aver girato terzo la boa di Torbole ha recuperato posizioni su posizioni vincendo la classifica dei TR sopra i 9 e sotto i 10mt. Secondo è Alfio di Bernardino Maccarinelli (Vela Club Manerba). La classifica dei TR sotto i 9mt vede al primo posto l’equipaggio svizzero di Vuvuzela che ha tagliato la linea d’arrivo quindicesimo assoluto. Secondo posto per gli ungheresi di Nelson Flottalizing di Varga Lajos (Balaton) e terzi i ciechi di Hebe IV di Zdenek Sanderhauf (CYK).

 

IN ARRIVO SU SAILY TV IL VIDEO DELLA CENTOMIGLIA

Commenti