SEGUICI ANCHE SU

Storia | Regata > Coppa America

27/06/2017 - 15:08

Uomini dietro le tecnologie

Svelato il segreto
di New Zealand

VIDEO - Svelata una delle armi segrete di Emirates Team New Zealand: è Nick Bowers, un kite surfer e producer video professionista americano. Due anni fa Glenn Ashby la ha conosciuto in Italia mentre girava video con un drone al Mondiale Classe A, e lo ha voluto nel team. Ha inventato un drone capace di "vedere" da fuori le prestazioni della barca e il comportamento di derive, foil e timoni. Ecco la sua storia - VIDEO

 

L'arma segreta dei neozelandesi? E' (anche) un kite surfer del Wisconsin, producer video e appassionato di droni. Si chiama Nick Bowers, ed è una scoperta degli occhi d'acquila di Glenn Ashby, lo skipper australiano della sfida kiwi. Glenn ha scoperto Nick a un mondiale Classe A in Italia. L'americano girava dei video con uno dei suoi droni, e le immagini realizzate lo colpirono subito, perchè facevano vedere dei particolari sul modo di navigare delle barche, altrimenti invisibili all'occhio umano.

Glen propone a Nick di trasferirsi ad Auckland con moglie e figlioletto, lui accetta e viene assunto con il ruolo di "analista delle performace". Di fatto Ashby lo incarica di studiare tutte le telecamere di bordo, e in particolare i droni, e creare una visualizzazione ottimale delle uscite di test dei catamarani di ETNZ, quelle decisive in cui si confrontano le soluzioni progettuali. 

Nessuno riesce a produrre immagini con l'angolatura che raggiunge il drone di Nick Bowers, e questo offre a New Zealand un vantaggio strategico non indifferente. L'uso dei droni in allenamento non è del tutto nuovo, ma la prospettiva con la quale l'ha sviluppato Glen con Nick è innovativa. In alcuni momenti, quando la barca volava sui foil, il drone di Bowers era più basso dello scafo sull'acqua, dando esattamente le risposte sul comportamento della barca rispetto a ciò che faceva l'equipaggio.

Altro elemento chiave la velocità del drone, capace di stare dietro ai cat a 47 nodi, quasi 90 kmh. "Non c'erano droni in commercio capaci di filmare i cat di coppa America, racconta Bowers, così ho deciso un giorno di costruirne uno." E c'è riuscito, il suo drone è capace di seguire ETNZ con vento forte e mare mosso, alla velocità della barca, volando a un metro dall'acqua e dallo scafo. Una volta a terra Nick ha speso molte ore mettendo a sincro i suoi video con i dati di telemetria della barca. Un lavoro immenso, che ha dato i suoi frutti.

Adesso Nick Bowers è stato assunto dalla federvela statunitense USSailing, per fare lo stesso lavoro con la squadra olimpica.

 

Commenti