Storia | Barche > Saloni

21/09/2019 - 02:03

59° Salone Nautico di Genova, clima positivo

Numeri della nautica: crescita a due cifre

REPORT DAY 2 - Fatturato 2018 +10,3% sul 2017 (quarto anno consecutivo di crescita a doppia cifra): +75% dal 2013. Addetti +13,8%, contributo al PIL 2,02%. Cresce anche il mercato interno della nautica: +10,7%. Nella ricerca poco spazio specifico per la vela. I dati influenzati dai grandi numeri del segmento superyacht, servirebbe una ricerca per vela e nautica minore. Luna Rossa al salone con Martin Fischer e Francesco Mongelli - SPECIALE SALONE SU SAILY TV

 

Orgoglio nautica al salone di Genova, quarto anno di crescita a doppia cifra, secondo i dati Nautica in Cifre riferiti al 2018. Un corposo +75% complessivo dal punto più basso toccato nel 2013. La ripresa è solida e concreta? La ricerca è incline a ritenerlo, anche se i dati risentono dei grandi numeri del settore superyacht dove l'Italia è leader.

Inoltre nella pubblicazione non si riesce a trarre un risultato specifico di categoria per la vela. Cresce? Quanto cresce? Quale segmento della vela cresce di più? Lo scorso anno si evidenziò il boom dei catamarani, quest'anno poca vela nella ricerca.

Comunque sono ottimi i dati del settore della nautica presentati al convegno “Boating economic forecast”. Per il quarto anno crescita a doppia cifra della nautica, +20% degli addetti diretti nell’ultimo biennio. Cresce l’export, Italia secondo esportatore globale. Il sottosegretario agli esteri ivan scalfarotto: “Governo attento e vicino a questa industria che contribuisce a rendere l’Italia celebre nel mondo”

Durante il convegno Boating Economic Forecast è stata presentata la nuova edizione della Nautica in Cifre, l'annuario statistico realizzato dall’Ufficio Studi di UCINA Confindustria Nautica in partnership con Fondazione Edison, che si fregia del patrocinio dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il rapporto, giunto alla 40a edizione, fornisce a imprese, istituzioni e operatori di settore una serie di dati e contenuti fondamentali per analizzare nel dettaglio il quadro economico dell’industria italiana della nautica di diporto.

Il Prof. Marco Fortis, Vice Presidente Fondazione Edison, Enrico Duranti, Presidente Assilea – Associazione Italiana Leasing, Giorgio De Rita, Segretario Generale Censis, Stefano Pagani Isnardi, responsabile Ufficio Studi UCINA Confindustria Nautica, Saverio Cecchi, Presidente UCINA Confindustria Nautica, hanno commentato i dati di mercato 2018 contenuti nella pubblicazione, facendo il punto sulle prospettive future del settore.

Il fatturato globale del settore nel 2018 pari a 4,27 miliardi di euro, con un 10,3% in più rispetto al 2017, una crescita ancora a due cifre per il quarto anno consecutivo. L’industria nautica da diporto in Italia ha registrato una ripresa significativa e consolidata: a partire dai minimi del 2013, il fatturato ha registrato un incremento del 75%, una performance che nessun altro settore industriale in Italia è stato in grado di generare.

Aumenta anche il numero degli addetti diretti (per un totale di 22.310, +13,8% sul 2017), così come il contributo della nautica al PIL (2,02‰, in aumento del 10,6% rispetto all’anno precedente). Cresce, infine, a conferma di un trend positivo per tutto il settore, anche il mercato interno dell’intera industria nautica, con un 10,7% in più, per un totale di 1,48 miliardi di euro, con un aumento specifico del 15,2% per il mercato interno della produzione italiana della cantieristica da diporto.

La ripartizione del fatturato per comparto vede la prevalenza della cantieristica (2,75 miliardi di euro, pari al 64,5% del totale), seguita dagli accessori (1,16 miliardi di euro, per una quota del 27,1%) e dai motori (358 milioni di euro, 8,4% del totale).

Positivi, sulla scia degli anni scorsi, anche i dati sulle esportazioni, settore che ha permesso all'industria nautica nazionale di reagire alla crisi degli scorsi anni grazie all’eccellenza della produzione italiana, riconosciuta in tutto il mondo, che confermano il nostro Paese leader internazionale nella produzione di Superyacht (barche sopra i 24 metri). Questi ultimi vedono ancora una volta il primato indiscusso dei cantieri italiani che, in base al Global Order Book, raccolgono il 46% degli ordini mondiali. Si conferma primo al mondo anche il comparto delle unità pneumatiche per il segmento superiore ai 7 metri. Fra i settori italiani il cui export è maggiormente cresciuti negli ultimi vent’anni, la nautica si piazza al nono posto assoluto.

Le elaborazioni di Fondazione Edison su dati Istat e ITC-UN Comtrade, nella classifica 2018 degli esportatori mondiali nel settore della cantieristica nautica, posizionano l’Italia al secondo posto, dopo i Paesi Bassi, con 2.175 milioni di dollari e il 13,2% di quota export mondiale, in crescita del 16,1% rispetto al 2017.

Per quanto riguarda i principali mercati esteri, al primo posto si trovano gli USA con il 23,9% delle esportazioni dall’Italia di unità da diporto, per un valore di 476 milioni di dollari.

Enrico Duranti, Presidente Assilea – Associazione Italiana Leasing: “Per il primo semestre 2019, Assilea – Associazione Italiana Leasing ha riscontrato una situazione stabile nel numero di contratti rispetto al primo semestre 2018. Il settore del leasing finanzia per l’80% gli acquisti, in misura maggiore per gli acquisti per uso personale e per prodotti nuovi. Abbiamo buone prospettive di crescita nella mobilità sostenibile, non solo per quanto riguarda le imbarcazioni. Gli investimenti con caratteristiche di sostenibilità saranno una priorità.

Marco Fortis, Vice Presidente Fondazione Edison: “Il settore sta andando molto bene, sono cinque anni che è in recupero dopo i minimi raggiunti nel 2013. E’ in ripresa sia la produzione nazionale per l’export sia il mercato interno. A livello generale in questo momento registriamo una buona tendenza complessiva. La produzione nazionale è molto articolata e di eccellente qualità e tocca diverse tipologie di prodotto. Ancora una volta le ottime performance delle nostre aziende derivano soprattutto dall’eccezionale richiesta di prodotti italiani da parte dei mercati esteri: soltanto l’export delle imbarcazioni made in Italy vale oggi oltre 2 miliardi di euro.”

Saverio Cecchi, Presidente UCINA Confindustria Nautica: “I dati presentati oggi confermano che il nostro settore è quello su cui il governo deve puntare per far crescere economia e occupazione, in particolare per il significativo incremento della forza lavoro, che nell’ultimo biennio ha registrato una crescita di oltre il 20% degli addetti diretti”.

A margine del Convegno, il Sottosegretario agli Esteri Ivan Scalfarotto, ha dichiarato: “Sono contento di aver partecipato all’apertura del Salone Nautico a Genova, appuntamento fondamentale per questo settore di spicco dell’economia italiana anche in termini di export. Il Governo è attento e vicino a questa industria che contribuisce a rendere l'Italia celebre nel mondo.”

REPORT DAY 2

Università del Mare- È stata firmata in occasione dell’incontro “Università del Mare: formazione”, a cura dell’Università di Genova, la convenzione tra il Magnifico Rettore Professore Paolo Comanducci e il Presidente di UCINA Confindustria Nautica Saverio Cecchi, con la finalità di garantire l’integrazione tra gli aspetti delle formazioni e della ricerca universitaria e le esigenze della filiera produttiva dell’industria nautica.

In particolare, la convenzione tra UCINA e Università, presente al Salone Nautico con il proprio Centro del Mare, prevede la creazione di percorsi formativi degli studenti universitari anche mirati alle esigenze delle singole imprese del comparto nautico, anche attraverso l’istituzione di borse di studio o aziendali di tirocini specializzati e di percorsi professionalizzanti orientati a favorire l’inserimento dei laureati all’interno dei ruoli lavorativi di interesse alle aziende del comparto.

Premiazione Accessorio di Design 2019 - Alle 14.30 in Sala Stampa sono stati premiati i migliori accessori del settore nautico. L'evento si è svolto in collaborazione con ADI – Associazione per il disegno industriale e IBI – International Boating Industry.

Le aziende premiate sono state Nanoprom, HP Watermakers, CMC Marine, Fitt, As Labruna, MZ Electronic – Italwinch, Veleria San Giorgio, Veco, Pme mare, Garmin. Menzione speciale all’azienda Seares, per aver sviluppato un prodotto in grado di svolgere una funzione tradizionale e al tempo stesso produrre energia sia per l’imbarcazione, sia per i pontili di attracco: l’ammortizzatore Seadamp Plus, dal costo vantaggioso e l’ottimo design.

A seguire, si è tenuto il primo “Caffè con la Presidente”, nel corso del quale la Presidente de I Saloni Nautici Carla Demaria e il Vice Presidente di UCINA Confindustria Nautica Piero Formenti hanno risposto alle domande dei giornalisti, in particolare della delegazione estera presente al Salone, che conta tra le sue fila inviati da 21 Paesi.

SLAM sponsor ufficiale- Il mare incontra il mare al 59° Salone Nautico Internazionale di Genova.Slam, marchio di abbigliamento per la vela e affermato in tutto il mondo,è fiera di presenziare a questo evento così importante per la sua città natale con tanti prodotti ed attività.

Il 19, 21 e 22 settembre, presso lo stand Slam, Matteo Capurro, timoniere classe 470 dello Yacht Club Italiano, presenterà le caratteristiche dell’abbigliamento tecnicodel brand, al cui sviluppo ha cooperato attraverso numerosi test, confronti e feedback costanti.

Per tutta la durata della manifestazione, inoltre, presso lo stand sarà presente un corner dedicato al merchandising della Millevele, storica veleggiata genovese di cui Slam è partner tecnico.

Ultimo non per importanza, il supporto a One Ocean Foundation, organizzazione che si occupa della salvaguardia dei mari e del loro ecosistema, sarà presente allo stand Slam con uno spazio dedicato alla raccolta firme per la Charta Smeralda, un codice etico stilato per sensibilizzare l’opinione pubblica, gli operatori e gli stakeholder e attivare interventi concreti volti alla tutela ambientale.

Convegno Nautica tra futuro e sostenibilità - Una tavola rotonda per fare il punto su regolamenti di costruzione specie dei grandi yacht e difesa dell’ambiente. A promuoverlo nello spazio del Breitling Theatre il Registro Italiano Navale (RINA) che ha voluto mettere a confronto alcuni dei protagonisti del mondo della nautica. Giorgio Gallo, Senior Business Development Manager di RINA ha introdotto l’incontro tracciando un profilo del Registro impegnato

nell’affiancare i cantieri nelle costruzioni rispettose delle regolamentazioni, specie quelle destinate alla difesa dell’ambiente. Regolamentazioni che, come ha spiegato Andrew Cutrì di RINA, hanno subito nel corso degli anni notevoli cambiamenti specie con l’introduzione delle regolamentazioni europee focalizzate al controllo e smaltimento dei rifiuti solidi e liquidi e sulla riduzione delle emissioni.

Il convegno è proseguito con i contributi di Riccardo Martinelli, comandante del megayacht di 60 metri “Main”, del vicepresidente della Federazione Italiana Vela, Alessandro Mei, del presidente dello Yacht Club Italiano Nico Reggio e del Responsabile Rapporti Istituzionali di UCINA Confindustria Nautica, Roberto Neglia che ha sottolineato come a volta i regolamenti, se non inseriti in un contesto attento alle realtà di mercato, possano essere inefficaci. E come sia necessario un convinto sostegno delle istituzioni verso le molte iniziative possibili e frutto di start up che hanno come campo d’azione il settore generale della nautica. Tra le tante, il problema del riciclo della vetroresina. Un aspetto sottolineato dall’intervento del presidente di Lega Ambiente e affrontato Barbara Amerio di Amer Yacht che ha brevemente presentato il progetto di utilizzo al posto della vetroresina della fibra minerale a base di basalto arricchito FILAVA che ha la caratteristica di essere completamente riciclabile a fine ciclo.

Luna Rossa AC75: un monoscafo volante per la Coppa America - L’America’s Cup sbarca al Salone Nautico a Genova, con la presenza del Team Luna Rossa Pirelli, che oggi ha illustrato a stampa, pubblico e addetti ai lavori qualche dettaglio sulla nuova sfida che affronta nel ruolo di “challenge of record” al fianco del Circolo della Vela Sicilia.

Sul palco del Breitling Theatre il progettista Martin Fisher e il navigatore Francesco Mongelli, affiancati da Andrea D’Amato di Garmin Italia, partner del team italiano, e dal giornalista di RAI Sport Giulio Guazzini, moderatore dell’incontro che si è focalizzato principalmente sulla tecnica dei nuovi AC 75, le barche con cui nel 2021, ad Auckland, in Nuova Zelanda, si disputerà la 36a edizione della celebre Coppa.

Saranno barche velocissime che voleranno sull’acqua grazie a un sistema di foil, superando i 40 nodi di velocità”, ha spiegato Fisher, coordinatore della progettazione del team italiano che ha lanciato la sua prima sfida all’America’s Cup nel lontano 1997. “Barche spettacolari che richiederanno una grande forza fisica, potenza e reattività per essere gestite al meglio”.

Mongelli ha sottolineato l’importanza del lsavoro effettuato dal team italiano al simulatore, una novità di questa sfida, in attesa che il nuovo AC75 scenda finalmente in acqua il 2 ottobre a Cagliari, sede della base del team di Patrizio Bertelli.

SU SAILY TV SPECIALE SALONE, INTERVISTA A FISCHER E MONGELLI ALLO STAND DI SAILY! PRESTO ONLINE

Ancora la vela è stata al centro di due eventi tenutisi nel pomeriggio. Il primo, la presentazione di Super 8 Race, la nuova regata con formula “Match 3 Racing” disputata nelle acque del Mediterraneo che ha visto il collegamento video da Honolulu di Giovanni Soldini, noto skipper e defender della regata.

A seguire, Nautor’s Swan ha presentato la nuova linea di imbarcazioni che si divide in due. Una parte continua a essere quella dei maxi yacht eleganti e performanti e, l’altra, crea la nuova linea dei Club Swan. Al Salone è stato presentato il Club Swan 36 altamente tecnologico. Il progetto parte in Croazia con un training center a Spalato e una flotta di una ventina di barche.

In occasione del Salone Nautico è stato inoltre consegnato dall'azienda grossetana Tecnoseal il premio “Sailing to the Sunshine” consegnato, alla presenza del presidente di UCINA Confindustria Nautica, Saverio Cecchi, a Tethys, organizzazione impegnata in campagne per la conservazione e salvaguardia dei cetacei a livello internazionale e a Seares srl, giovane startup che si occupa di prodotti per la nautica.

Sezione ANSA: 
Saily - Barche e Saloni

Comments